/ Attualità

Attualità | 01 dicembre 2020, 16:01

Sospesa l'ordinanza di stop ai tir del comune di Barcellonnette, ASTRA Cuneo: "Buona notizia, è una minaccia seria per le aziende e il territorio"

Il presidente Diego Pasero commenta la notizia uscita dall'ultimo incontro della Conferenza Intergovernativa Italia-Francia: "Siamo molto preoccupati e staremo attenti, ma serve che anche la committenza prenda una decisione forte e chiara"

Foto generica

Foto generica

Possono tirare un - momentaneo, forse - respiro di sollievo gli autotrasportatori della provincia di Cuneo: l'ordinanza di stop ai tir sul versante francese del valico internazionale del Colle della Maddalena (di fatto l'unico rimasto intatto dopo gli eventi alluvionali di inizio ottobre) non partirà dalla giornata di oggi, martedì 1° dicembre, ma è stata rimandata a data da destinarsi.

La notizia del congelamento del processo è stata data da ASTRA Cuneo sulla propria pagina Facebook a seguito di quanto emerso nel corso dell'ultima Conferenza Intergovernativa Italia-Francia. A informare l'associazione l'assessore regionale Marco Gabusi - coinvolto assieme al presidente Alberto Cirio - ; l'ordinanza, proposta dal sindaco di Barcellonnette Sophie Vaginay, deriva da una diatriba tutta francese tra la città e il dipartimento dell'Alta Provenza sulla manutenzione di 3 chilometri di strada e da alcune istanze della popolazione.

Il rinvio dell'ordinanza nasce proprio dal protrarsi di questa diatriba: durante la CIG sarebbe emerso infatti che il dipartimento intende evitare l'assunzione del provvedimento, e che la Prefettura francese sarebbe addirittura pronta a impugnarlo.

"Quest'ordinanza è una vera e propria minaccia e se entrasse in vigore assesterebbe un colpo mortale alle imprese e al territorio: ci preoccupa molto - commenta Diego Pasero, presidente di ASTRA Cuneo - . Ci siamo spesi sin da subito ma ci sentiamo soli in questo momento: servirebbe una presa di posizione forte anche da parte della committenza, dalle associazioni di categoria, visto che siamo quasi al collasso totale delle infrastrutture stradali provinciali".

"Durante la CIG è stato detto che comune, prefettura e dipartimento s'incontreranno con l'obiettivo di raggiungere una soluzione che non contempli l'ordinanza - conclude Pasero - . Stiamo molto attenti, però, abbiamo già visto un film simile in valle Roya".

simone giraudi

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium