/ Attualità

Attualità | 24 novembre 2020, 12:28

Il Cavalier Amilcare Merlo riceve la laurea ad honorem in ingegneria meccanica. "Ai giovani dico siate curiosi, osate!"

La cerimonia si è svolta questa mattina, in collegamento streaming, dalla sede del Politecnico di Mondovì, alla presenza del Magnifico rettore, il Prof. Guido Saracco e dei prof. Aurelio Somà e Massimo Rossetto

Il Cavalier Amilcare Merlo riceve la laurea ad honorem in ingegneria meccanica. "Ai giovani dico siate curiosi, osate!"

"Innovazione, curiosità, tenacia questi sono i punti chiave che ho avuto come riferimento nella mia vita per portare avanti le mie idee” – queste le parole del cavalier Amilcare Merlo, fondatore della Merlo S.p.a, che oggi, martedì 24 novembre, ha ricevuto  la laurea magistrale ad honorem in ingegneria meccanica.

La cerimonia si è svolta questa mattina in collegamento streaming dalla sede del Politecnico di Mondovì, alla presenza del Magnifico rettore, il Prof. Guido Saracco e dei prof. Aurelio Somà e Massimo Rossetto.

Il Politecnico di Torino ha deciso di attribuire la laurea ad Amilcare Merlo per “le eccezionali capacità tecniche con cui ha guidato lo sviluppo di numerosi progetti innovativi nel campo della meccanica e per lo spirito imprenditoriale grazie al quale ha fondato e dirige una impresa di livello internazionale di sicuro impatto economico e sociale nel territorio in cui è radicata".

Il prof. Aurelio Somà, docente di Progettazione Meccanica e Costruzione di Macchine, con una laudatio ha ripercorso la vita del Cavalier Merlo che, insieme alla sorella Natalina, a partire dal 1964 ha portato avanti con lungimiranza un gruppo di successo, nato e rimasto in provincia di Cuneo, ma apprezzato in tutto il mondo.

“Ancora oggi con miglioramenti continui, Amilcare Merlo, è capace di interpretare la necessità dei mercati, innovando e proponendo soluzioni. L’intuizione è l’ingrediente alla base della sua azienda” – ha commentato Somà – “La Merlo è un’azienda che ha favorito la crescita dei giovani, sensibilizzando i collaboratori, superando il ‘geographical divide’ della provincia di Cuneo e anticipando i temi del team building. Un’azienda con una grande tradizione familiare che oggi conta più di mille dipendenti che, il cavalier Merlo, conosce tutti per nome. Ha sempre cercato di innovarsi, collaborando anche con il Politecnico di Torino e con il dipartimento di meccanica aerospaziale. E' un visionario o meglio, un vero ingegnere con un grande spirito di osservazione”.  

Dopo le motivazioni che hanno portato alla consegna della laurea ad honorem, lette dal Prof. Rossetto, direttore del Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Aerospaziale, il cavalier Merlo, visibilmente emozionato, davanti alla platea virtuale del web in collegamento, ha ringraziato per il riconoscimento, dedicando una riflessione profonda ai giovani.

“Osate tutto cosa è possibile, chi non osa non riceverà mai nulla. La mia è una lunga storia, ho vissuto una vita bellissima, che è sempre stata una sfida. In questo momento, in cui il nostro paese è provato da tante difficoltà, penso ci siano delle possibilità immense. Le vittorie future risiedono nella capacità di creare un collegamento tra scuola e mondo del lavoro. Ai giovani dico: siate curiosi e, anche se richiede sacrificio, non fermatevi alla prima sconfitta. Studiate e osservate le cose sul campo per capire l’apporto di un vero ingegnere. Questo riconoscimento per me è una grande soddisfazione, il coronamento di un sogno per me, che sa sempre, mi considero un ingegnere del terreno. Grazie a tutte le persone che mi sono state vicino, mia sorella e mia moglie che fin dall'inizio sono state le guide e ai miei figli che partecipano a questa avventura”.

 

Arianna P.

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium