/ Sanità

Sanità | 19 novembre 2020, 18:25

Aprono in Granda tre nuovi hotspot per i test rapidi sul Covid a Bra, Mondovì e Savigliano

Nei prossimi giorni verrà attivata analoga struttura anche a Cuneo

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Aprono oggi, giovedì 19 novembre, tre nuovi hotspot attivati dalla Regione Piemonte in provincia di Cuneo, nell'attesa nei prossimi giorni di quello nel capoluogo. Si tratta di strutture destinate ai test rapidi, per potenziare il tracciamento dei positivi e dare un altro segnale concreto sul fronte del contenimento dell’epidemia.

Oltre che a Cuneo - commenta il saviglianese Matteo Gagliasso, che siede in commissione Sanità - gli hotspot di Bra, Mondovì e Savigliano si aggiungono ai punti già attivi nel resto del Piemonte.

Il lavoro della Regione Piemonte e delle aziende sanitarie conferma la grande attenzione al territorio e amplia la platea di cittadini che potranno usufruire degli hotspot per effettuare, su prenotazione dei medici di medicina generale, i tamponi rapidi naso-faringei.

Una risposta concreta a tutti i cuneesi che necessitano del tampone”.

Un nuovo passo avanti in ambito di screening di positività - spiega il consigliere cuneese della Lega Paolo Demarchi che affianca le iniziative predisposte dai Comuni di Lagnasco e Scarnafigi, per cui ringrazio personalmente i sindaci che grazie alla fattiva collaborazione con i medici di base operanti nei due Comuni, la dottoressa Anna Maria Blandino ed il dottor Paolo Persico, e al Direttore del Distretto Sanitario e Responsabile dell’Usca di Saluzzo, dottor Gabriele Ghigo, hanno dimostrato grande attenzione ai cittadini e al territorio, mettendo a disposizione dei medici di base strutture adeguate per effettuare i tamponi rapidi”.

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium