/ Attualità

Attualità | 19 ottobre 2020, 12:12

La Fiera del Tartufo non si ferma: Allena: "Eventi in totale sicurezza, il Dpcm ci permette di proseguire"

Il nuovo decreto stoppa sagre ed eventi ad eccezione di quelli nazionali e internazionali se organizzati nel rispetto di protocolli validati dal Cts. La presidente: "Programma rimodulato e stretti controlli per garantire al massimo i nostri visitatori"

Immagini Ente Fiera del Tartufo

Immagini Ente Fiera del Tartufo

La Fiera del Tartufo va avanti. Già anticipata dal premier Conte nella sua diretta di ieri sera, l’esclusione delle manifestazioni di maggior rilievo dal novero di quelle che dovranno fermarsi per il disposto del nuovo Dpcm sull'emergenza Covid ha trovato sanzione al punto 4 del nuovo decreto: "Sono vietate le fiere e le sagre di comunità. Restano consentite le manifestazioni fieristiche di carattere nazionale e internazionale (quella albese rientra tra queste ultime, ndr), previa adozione di protocolli validati dal Comitato tecnico scientifico (…) e secondo misure organizzative adeguate alle dimensioni e alle caratteristiche dei luoghi e tali da garantire ai frequentatori la possibilità di rispettare la distanza interpersonale di almeno un metro".

Una dispensa ovviamente accolta con favore nel quartier generale dell’Ente Fiera e dalla sua presidente Liliana Allena: "L’esigenza di organizzare una manifestazione che fosse gestita nella massima sicurezza è stata la nostra principale preoccupazione sin dal momento in cui abbiamo stabilito di non rinunciare a una manifestazione che rappresenta un importante riferimento per tutto il nostro territorio – spiega Allena –. Da qui la decisione di rimodularne pesantemente programma e proposte. Il Dpcm varato ora dal premier non modifica quel quadro di partenza, per cui la nostra intenzione è quella di proseguire come previsto sino al termine fissato per il prossimo 8 dicembre".

Annullati sin dalla vigilia gli eventi che potevano rappresentare i maggiori elementi di criticità, come il "Baccanale del Tartufo" o il mercato ambulante organizzato lungo i corsi cittadini, la rassegna albese prosegue quindi avendo quale principale momento in presenza le esposizioni del Mercato Mondiale del Tartufo allestito nel cortile della Maddalena in un’inedita versione "en plein air".
"Il Mercato – prosegue Allena – è e rimane il cuore della Fiera. Lo abbiamo allestito all’aperto, in un ambiente sicuro, organizzandolo nel rigoroso rispetto dei protocolli di sicurezza concertati con le forze dell’ordine, con la misurazione della febbre e la chiusura degli ingressi al raggiungimento di un numero massimo di visitatori, elaborando anche un contenitore studiato ad hoc insieme al Centro Nazionale Studi Tartufi per consentire un'analisi sensoriale dei tartufi in esposizione e vendita senza rischi per i visitatori. Posso dire che si tratta di una situazione assolutamente sicura, molto più di altre che tutti noi continuiamo a vivere nella nostra quotidianità".

La rassegna sembra anche essersi lasciata alle spalle le difficoltà vissute nel primo weekend. "Direi di sì – riprende la presidente –. La chiusura del centro storico era stato un impegno non banale. Il secondo fine settimana, andato in scena tra sabato e domenica, in questo senso è stato certamente in discesa e credo di poter dire che la rimodulazione del piano di sicurezza, con forze dell’ordine e steward a presidio di vie e piazze del centro, ha funzionato molto bene, consentendo un passeggio ben distribuito in tutto il centro storico. Anche l’ingresso del Mercato del Tartufo spostato su piazza Falcone si è rivelato una scelta indovinata".    

La manifestazione quindi prosegue in questa inedita versione anche nella sua terza settimana, secondo una formula che allo stesso Mercato affianca i suoi apprezzati "cooking show", anche questi contenuti a numeri limitati di partecipanti, così come le cene tematiche con protagonisti i migliori chef del territorio e non solo, mentre al "Truffle Hub" allestito presso la pertinenza del castello di Roddi proseguono le iniziative "in digitale" realizzate in collaborazione con Microsoft Italia.

"E’ una Fiera nata 'in progress' e che ce le metterà tutta per arrivare al suo traguardo finale, conclude Allena, che guarda intanto all’importante momento cui la città si prepara col passaggio, questo sabato, del "Giro d’Italia", e si congeda ringraziando ancora una volta "tutti gli attori che stanno lavorando a questa 90ª edizione, dimostrando grande capacità di adattamento, pronti a cambiare in corsa per non fare mancare al territorio questo suo grande evento". 

Ezio Massucco

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium