/ Attualità

Attualità | 16 ottobre 2020, 15:10

Alba, i banchi di via Maestra vanno in piazza Prunotto. Sulla "rivolta" di alcuni ambulanti indagini in corso

Si profilano diverse ipotesi di reato in particolare in capo a Carlo Cerrina, segretario della sigla GOIA, che avrebbe organizzato la protesta. Dal Comune l'assessore Marcarino invita alla calma: "Nessuna intenzione vessatoria contro i mercatali, non appena possibile torneranno in centro"

Alba, i banchi di via Maestra vanno in piazza Prunotto. Sulla "rivolta" di alcuni ambulanti indagini in corso

Dopo la "rivolta" di sabato mattina, quando alcuni ambulanti di Alba hanno deciso, nonostante l'annunciato spostamento dei banchi del mercato fuori dal circuito centrale, destinato all'avvio della Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d'Alba, di montarli comunque in via Maestra, è stata una settimana di incontri e confronto tra Comune, associazioni di categoria, sindacati e Questore.

Anche e soprattutto con chi, quella rivolta, l'avrebbe organizzata e fomentata, Carlo Cerrina, referente provinciale del sindacato GOIA. Sarebbe stato lui, infatti, ad opporsi più di tutti all'ennesimo spostamento che, va detto, agli ambulanti non piace, nessuno escluso. 

La rivolta, o manifestazione, se non c'è una comunicazione preventiva alla Questura, non può avvenire. Questo è il punto di partenza. "Noi non diamo o neghiamo l'autorizzazione, perché manifestare è un diritto. Ma dobbiamo esserne informati per valutare se ci sono le condizioni di sicurezza per il suo svolgimento. Non solo: in quella sede sono state rivolte accuse e parole pesanti alle forze dell'ordine. Insomma, ci sono dei comportamenti che si profilano come reati. In capo ad un soggetto. Ma anche altre posizioni sono al vaglio. Cerrina è stato convocato qui da me - ha detto il questore - già mercoledì mattina. Ed è poi stato allontanato per le cose gravi che ha detto. Nel pomeriggio c'è stato un incontro, nella massima trasparenza, con tutte le parti in causa. E anche in quell'occasione Cerrina è stato allontanato. Nessuno ce l'ha con gli ambulanti e nessuno è in combutta con i commercianti per tenerli fuori dal centro cittadino. Queste sono accuse pesanti. Il sindaco stesso ha detto che si tratta di una soluzione temporanea. Da domani saranno in piazza Prunotto. Poi, non è detto che, vista la situazione, i mercati vengano addirittura annullati"

 

OGGI L'ASSEGNAZIONE DELLE PIAZZOLE

Individuato come unica alternativa possibile in questo momento, lo spostamento dei banchi di via Maestra, piazza Duomo e via Cavour in piazza Prunotto è già stato comunicato alla sessantina di operatori interessati.
Nel pomeriggio di oggi, venerdì, l’assessore albese al Commercio Marco Marcarino incontrerà nuovamente i rappresentanti degli ambulanti per definire insieme – secondo un criterio di anzianità – l’assegnazione delle piazzole nella nuova sede temporanea.  

"Quello che vorrei ribadire – spiega l'assessore – è che da parte del Comune come delle forze dell’ordine non c’è alcuna volontà vessatoria nei confronti degli ambulanti, dei quali comprendiamo perfettamente il disagio e le difficoltà. L’intenzione della nostra Amministrazione è di poterli riportare quanto prima nella loro storica sede, non appena questo sarà possibile, così come già fatto a settembre, peraltro con un notevole sforzo per ridisegnare buona parte del mercato".

"Purtroppo -
prosegue Marcarino – questo nuovo spostamento si impone per ragioni che attengono alla delicata situazione sanitaria che tutti ben conosciamo o dovremmo conoscere. Un contesto e un momento che impongono un grande sforzo di buon senso e responsabilità da parte di tutti. Sono argomenti ben compresi dalla stragrande maggioranza degli operatori, mentre qualche voce isolata fomenta una situazione che finisce per ostacolare un dialogo costruttivo e per danneggiare tutti".

 

bsimonelli

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium