/ Politica

Politica | 11 ottobre 2020, 09:47

#controcorrente: RICOSTRUIRE non è una sfilata politica ma una questione politica

La terra di Granda ha bisogno di risposte certe con fatti certe, le promesse sanno tanto di 'pagherò' senza avallo di nessuno

#controcorrente: RICOSTRUIRE non è una sfilata politica ma una questione politica

Sono passati giorni da quando la redazione ha raccontato la furia della pioggia che ha deciso di dare una lezione severissima agli uomini e donne di Granda. L'ennesima situazione difficilissima che la nostra terra si trova a vivere.

Abbiamo assistito a dichiarazioni, sfilate di politici, istituzioni e uomini di stato, tutti animati di buona volontà con rassicurazioni, proclami ed impegni. La buona volontà non basta. La terra di Granda ha bisogno di risposte certe con fatti certi, le promesse sanno tanto di 'pagherò' senza avallo di nessuno. Si perchè alla fine rischiamo come sempre che non sia colpa di nessuno.

Un esempio? La Asti-Cuneo, avete mai sentito dire di chi è colpa una miserabile situazione? E' colpa della politica, la risposta tipicamente tipica nella sua tipicità. Una cambiale appunto senza avallo, e in terra di Granda fatta di tante banche, anche se la più rappresentativa ce la siamo persa per sempre, sappiamo bene cosa sia una firma olografa che prende un impegno, perchè qui è terra di gente che le parole le mantiene.

Oggi abbiamo un Tenda distrutto, chissà se lo ricostruiremo o lo rifaremo (traforo da Vernate? traforo nella canna della ferrovia da Limone? traforo?). Il tema è come i monegaschi raggiungono la loro stazione sciistica (Limone appunto) prima che cambino destinazione e resti solo la stazione sciistica di piemontesi e liguri, nella speranza di rivedere le settimane bianche di americani, inglesi e olandesi.

Oggi abbiamo sindaci che non possono aspettare autorizzazioni per pulire fiumi e boschi, li devono far pulire quando serve e non dopo i disastri.

Oggi abbiamo strade da rifare: dobbiamo chiedere aiuto a aziende cinesi che in 1 settimana in 1000 ti rifanno tutto o possiamo procedere con le maestranze locali senza una burocrazia che solo nei tempi degli affidamenti ti fa aspettare settimane?

Oggi abbiamo voglia di fare, chi si mette di traverso in nome di una democrazia che persino il covid ci ha insegnato debole e piegata su se stessa, è invitato a dedicarsi agli hobby personali e lasciare la gente perbene fare quello che la politica ha promesso che farà.

 

#controcorrente

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium