/ Agricoltura

Agricoltura | 03 ottobre 2020, 14:52

Alluvione, per Coldiretti Cuneo la Granda è in ginocchio

Situazione disastrosa nelle Valli Tanaro, Vermenagna e Gesso

Foto di Robert Doci

Foto di Robert Doci

Situazione drammatica, in provincia di Cuneo, dopo la violenta ondata di maltempo delle ultime ore. Un giorno di pioggia è bastato a mandare in tilt valli, campagne e città con danni incalcolabili fra Cuneese, Cebano e Monregalese. Danni che riguardano principalmente la viabilità e i centri urbani, mentre appaiono al momento limitati nelle aziende agricole, dove tecnici e funzionari di Coldiretti Cuneo sono al lavoro dalle prime ore del mattino per accurati monitoraggi. 
Di certo restano i gravi disagi di un’alluvione che in poche ore ha fatto esondare fiumi e torrenti, travolto case e causato frane e smottamenti: vie cittadine sommerse e ricoperte di fango, tronchi e rami, strade sbriciolate, ponti crollati, borghi evacuati. Il dato più grave è quello dei dispersi, per i quali sono diverse le segnalazioni, ma a rendere difficoltose le verifiche e le ricerche è la mancanza di collegamenti, telefonici oltre che viari.
Le valli più colpite sono l’alta Val Tanaro, la Valle Vermenagna e la Valle Gesso.
In Val Tanaro le strade sono diventate fiumi in piena e i campi allagati sono ora distese di fango e detriti. Il centro storico di Garessio è stato sommerso dalla piena, Ormea completamente isolata fra strade chiuse, ponti distrutti, frane. Crollato parzialmente persino il ponte romano simbolo di Bagnasco. Allagamenti a Nucetto, Ceva e Priola, dove forti raffiche di vento hanno anche scoperchiato alcuni capannoni e case. Esondazioni sono state registrate a Bastia, Clavesana, Carrù, Farigliano, fino a Cherasco.
Gravi danni in Valle Vermenagna, soprattutto a Limone Piemonte, non raggiungibile fra strade crollate in più punti. Per i margari, tra i quali si segnala anche un disperso, si pone ora il problema del rientro a valle per chi è ancora in montagna, essendo compromesse le infrastrutture viarie.
Situazione difficile anche in Valle Gesso, dove alcuni pastori sono scesi dagli alpeggi nelle ore di maggiore criticità; in alcuni casi parte degli animali è rimasta in Alpe e non se ne hanno notizie al momento.
“Ovunque si abbattano fenomeni intensi come questi - commenta il Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo Roberto Moncalvo - vallate, campagne e città sono messe in ginocchio: purtroppo siamo di fronte alle conseguenze dei cambiamenti climatici che sempre più frequentemente si esprimono con episodi violenti e non contenibili, con precipitazioni impetuose che si abbattono su un territorio reso più debole dalla cementificazione e dell’abbandono delle aree marginali”.
“Continuiamo in queste ore la verifica dei danni subiti dal comparto agricolo e invitiamo le aziende a segnalarci le situazioni di maggior disagio. Bene, intanto, la decisione del Governatore Cirio di chiedere lo stato di emergenza” commenta Fabiano Porcu, Direttore di Coldiretti Cuneo.

C.S.

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium