/ Cronaca

Cronaca | 22 settembre 2020, 18:12

Dogliani, minaccia e spacca un vetro della casa dell’ex fidanzata: giovane a processo

Il padre della ragazza: “Aggrappato all’inferriata urlava ‘vieni fuori che ti ammazzo’”

Dogliani, minaccia e spacca un vetro della casa dell’ex fidanzata: giovane a processo

“Ubriaco marcio” era andato in escandescenze urlando frasi minacciose rivolte al padre della sua ex fidanzata: “Si trovava fuori dalla nostra abitazione. Gridava ‘vieni fuori che ti ammazzo’, ‘ti brucio la casa’. Noi siamo rimasti all’interno e abbiamo chiamato i carabinieri”. E’ il racconto di un cinquantenne nel processo che vede imputato M.C. accusato di minacce e danneggiamento.

L’8 settembre 2019 il giovane si era recato presso l’abitazione, nei pressi di Dogliani, della famiglia della ragazza che lo aveva lasciato da poco: “Nei primi tempi quando stavano insieme veniva anche a mangiare da noi, poi poco per volta ho capito che era un ragazzo problematico ed è capitato che avessimo discusso”, ha raccontato l’uomo. “Quella sera urlava, tirava calci. Si è arrampicato sull’inferriata della casa e ha rotto con un pugno una vetrata del lucernario. Si è anche fatto male. Poi sono intervenuti i carabinieri, l’hanno calmato e allontanato”.

Il giorno dopo M.C. era tornato per chiedere scusa e offrendosi di pagare la riparazione del vetro rotto: “Mia moglie non ha voluto i suoi soldi, e gli ha detto solo di andarsene. In seguito temevamo che potesse ritornare. Lei con la nostra figlia minore erano rimaste molto spaventate”, ha continuato il teste.

I coniugi hanno ritirato la querela: “Non vogliamo che i genitori di M.C. passino dei guai in seguito a questa vicenda, perché sono delle brave persone”.

Il processo è stato rinviato per discussione al 19 gennaio 2021.

Monica Bruna

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium