/ Attualità

Attualità | 04 settembre 2020, 17:53

“Siamo qui da vent'anni” il documentario sui migranti in Piemonte impegnati in agricoltura sbarca alla 77ma Mostra del Cinema di Venezia

Il documentario racconta, tramite testimonianze della vita dei migranti in Piemonte e in particolare nella provincia di Cuneo, come la vocazione agricola si sia rinnovata nel segno di una globalizzazione del mercato del lavoro che sopperisce alla mancanza di manodopera locale e contribuisce alla crescita di tante eccellenze del Made in Italy

Foto di Pietro Battisti

Foto di Pietro Battisti

Nell’anno in cui tutto si è fermato per alcuni mesi e in cui anche il più antico festival cinematografico del mondo rischiava di saltare, la Biennale Cinema si rafforza con il nuovo progetto della Fai Cisl e della sua Fondazione Studi e Ricerche: un premio collaterale che riguarderà le opere cinematografiche ritenute più interessanti e significative nell’affrontare i temi del lavoro e della relazione tra persona e ambiente.

“L’obiettivo
– afferma il Presidente della Fondazione, Vincenzo Conso – è quello di valorizzare le opere che affrontano i temi del lavoro nelle diverse dimensioni sociali e antropologiche e della relazione tra l’uomo, inteso come persona, le sue attività e l’ambiente, sia naturale che sociale: ipotizziamo che queste direttrici tematiche, già presenti e consolidate nel panorama delle pellicole presentate a Venezia, saranno nei prossimi anni, anche in seguito all’evento epocale del Covid-19, sempre più frequenti e sviluppate dalle tematizzazioni cinematografiche”.

La Fondazione Fai Cisl Studi e Ricerche promuove, in Italia e all’estero, iniziative di studio, di ricerca e culturali sul lavoro agroalimentare e ambientale, sulle problematiche dell’agricoltura, dell’ecologia e della salute.

È attiva nella promozione e produzione di documentari e recentemente ha ampliato la sua azione nell’ambito artistico con la produzione di docufilm e spettacoli teatrali, come “Il delegato”, opera che ha debuttato lo scorso ottobre a Matera, Capitale Europea della Cultura.

L’ideatore del premio, il sociologo Ludovico Ferro, insegna Processi Culturali e Comunicativi all’Università di Padova e studia da decenni i festival cinematografici come luoghi di sfera pubblica.

Presiederà la giuria composta dal regista di teatro e cinema Alessio Nardin, che lavora, tra gli altri, presso Stanislavsky Electrotheatre di Mosca, Teatro Nazionale di Strasburgo, Théâtre National de Bretagne, Teatro Stabile del Veneto, dalla giornalista Susanna Tanzi, Style editor di Forbes, dal Capo Ufficio Stampa della Fai Cisl Rossano Colagrossi e dall’esperto di cinema Luca Zamparini, del Brooklyn College. Assieme, lavoreranno per assegnare il premio “Fondazione Fai - Persona, Lavoro, Ambiente” e due menzioni speciali, una sul lavoro e una sull’ambiente.

“Per il sindacato agroalimentare e ambientale
– commenta il segretario generale della Fai Cisl Onofrio Rota – è una grande soddisfazione essere alla Mostra: si tratta di una bella opportunità per valorizzare le espressioni di una rinnovata sensibilità sui temi del lavoro e dell’ecologia, sui quali siamo da sempre impegnati con obiettivi di maggiore e migliore occupazione, di tutela dei diritti, di sostenibilità ambientale, sociale ed economica”.

Giovedì 10 settembre, dalle 11.30 alle 13.30, presso lo Spazio Incontri Venice Production Bridge, al terzo piano dell’Hotel Excelsior, saranno consegnati i premi e interverranno, tra gli altri, Onofrio Rota e Vincenzo Conso.

L’evento di premiazione ospiterà anche la proiezione speciale del docufilm “Siamo qui da vent’anni” (2020, Italia, 48’). Realizzato dall’Anolf Cuneo, con il contributo del Consorzio delle ONG Piemontesi, della Fai Cisl e della Fondazione Fai Cisl Studi e Ricerche, nell’ambito del progetto europeo “Frame, Voice, Report”, il documentario racconta, tramite  testimonianze della vita dei migranti in Piemonte e in particolare nella provincia di Cuneo, come la vocazione agricola si sia rinnovata nel segno di una globalizzazione del mercato del lavoro che sopperisce alla mancanza di manodopera locale e contribuisce alla crescita di tante eccellenze del Made in Italy. Saranno presenti anche il regista Sandro Bozzolo, il Presidente dell’Anolf Cuneo Roger Davico, rappresentanti della Fai Cuneo e il segretario generale della Cisl Piemonte, Alessio Ferraris.

Per motivi di sicurezza, per partecipare è necessario procurarsi il biglietto gratuito tramite la biglietteria del festival (sezione VPB) e per gli accreditati attraverso il sistema a loro dedicato per prenotare i film. In caso di esaurimento dei posti è possibile scrivere a faifoundation.collateralaward.ve@gmail.com per richiedere direttamente l’invito.


Il programma dell’evento è consultabile al link: http://veniceproductionbridge.org/vpb-programme-2020/programme/fai-foundation-collateral-award.

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium