/ Attualità

Attualità | 15 agosto 2020, 14:41

Bra, campane a distesa e Ave Maria hanno dato il risveglio nella festa dell’Assunta

Tutta la bellezza di un suono antico che riconforta il cuore non solo a Ferragosto

I campanili delle chiese di Sant’Antonino, San Giovanni Battista, Battuti Neri e Battuti Bianchi

I campanili delle chiese di Sant’Antonino, San Giovanni Battista, Battuti Neri e Battuti Bianchi

“È l’ora che pia la squilla fede; le note c’invia dell’Ave del ciel. Ave, ave, ave, Maria!”.

I rintocchi dell’Ave Maria di Lourdes hanno dato il risveglio a Bra ed ai braidesi nella festa della Vergine Assunta in Cielo. Le restrizioni sociali, culturali, religiose non hanno imbrigliato le campane, libere di propagare per vie e strade il loro suono catartico e consolatorio.

Anche a Ferragosto sono sempre gli antichi bronzi ad offrirci un momento di bellezza, come durante il giorno, quando suonano le ore per regalarci condivisione e speranza. I rintocchi si intrecciano e ci fanno sentire idealmente gemellati intorno alla Madonna ad invocare aiuto e protezione.

Anche la poesia non è immune al fascino delle campane e con Giacomo Leopardi si fa preghiera accorata ed attuale. “Or la squilla dà segno della festa che viene; ed a quel suon diresti che il cor si riconforta”. Il sabato del villaggio è ancora oggi.



 

Silvia Gullino

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium