/ Politica

Politica | 05 agosto 2020, 10:50

La Lega scrive al ministro Bonafede per chiedere la "riapertura delle carceri di Cuneo e di Alba”

Il Carroccio rilancia dopo l'audizione a Palazzo Lascaris del garante regionale dei detenuti, Bruno Mellano, e dell'approfondita relazione sulla condizione carceraria piemontese

Il carcere di Alba

Il carcere di Alba

Nella seduta di ieri, in Consiglio regionale del Piemonte, a Palazzo Lascaris, ha relazionato il garante regionale dei detenuti, Bruno Mellano, che ha presentato un’approfondita relazione sulla condizione carceraria piemontese, anche alla luce dei fatti che hanno coinvolto la casa circondariale “Lorusso e Cutugno” di Torino.

Vorrei esprimere un sentito ringraziamento per quanto l’onorevole Mellano ha saputo fare – ha commentato il leghista Gianluca Gavazza, consigliere segretario del consiglio regionale -, un ringraziamento personale, ma credo di poterlo fare anche a nome di tutto il consiglio regionale. Sono stati mesi intensi e difficili, eppure il lavoro svolto dal garante è stato un punto di riferimento indiscutibile, dimostrando conoscenza sia amministrativa sia nel rapportarsi con i più alti livelli istituzionali”.

 “Ci fa piacere che una persona tanto preparata come l’onorevole Mellano si occupi di un argomento tanto delicato – ha aggiunto Stefano Allasia, presidente della Lega in consiglio regionale -. Ma come gruppo Lega Salvini Piemonte proponiamo alla maggioranza e a tutto il consiglio due atti concreti per risolvere altrettanti problemi del nostro sistema carcerario: l’apertura dell’ala ad oggi chiusa del carcere di Cuneo e capire con il Ministero come riaprire il carcere di Alba, dove se si fosse trattato di una struttura privata i lavori di sanificazione sarebbe già stati effettuati.

E comprendo perfettamente le difficoltà dei detenuti ma anche degli agenti, che operano in un settore delicatissimo, con poche risorse, pochi mezzi e affrontando non trascurabili problemi psicologici.

Le mele marce vanno fatte fuori, chi ha sbagliato deve pagare, ma sono certo che la Polizia penitenziaria svolga nel complesso un ottimo lavoro.

Per l’intero sistema carcerario piemontese, ora riapriamo quegli istituti di pena, anche per alleviare il generale problema del sovraffollamento.

La Lega c’è: già nelle prossime ore scriveremo una lettera al ministro di Grazia e Giustizia Alfonso Bonafede per chiedere si faccia carico di queste due criticità”.

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium