/ Attualità

Attualità | 31 luglio 2020, 19:56

Stamperia Miroglio, l’azienda porta a 10.500 euro l’offerta di buonuscita per i 151 addetti

Ripresa la trattativa dopo la sospensione di martedì e il consiglio comunale aperto tenutosi ieri in municipio

Stamperia Miroglio, l’azienda porta a 10.500 euro l’offerta di buonuscita per i 151 addetti

Dopo il consiglio comunale aperto tenutosi ieri nel municipio albese, la trattativa tra il gruppo tessile albese e i 151 lavoratori della Stamperia di Govone è ripresa oggi con una nuova intera giornata di confronto tra azienda e sindacati. 

Un nuovo momento del tavolo – il quinto dallo scorso 7 luglio, quando Miroglio aveva comunicato la decisione di chiudere lo stabilimento govonese – che ha fatto registrare un parziale riavvicinamento nelle posizioni tra le parti dopo lo stop alla trattativa arrivato martedì.

"Qualche passo in avanti è giunto sui meccanismi di ricollocazione – conferma il rappresentante della Uiltec Asti-Cuneo Vito Montanaro, anche a nome dei colleghi Angelo Vero (Cisl) e Maria Grazia Lusetti (Cgil) –, con la definizione di una sorta di liberatoria condivisa per avere i profili da dare in esterna. Il vero stallo – proseguono i sindacalisti – rimane sul punto economico, considerata ancora bassa dai lavoratori l’offerta di 10.500 euro lordi proposti dall’azienda, rispetto ai 7.500 della prima offerta".

L’esito dell’incontro è stato poi oggetto di un’assemblea che i lavoratori hanno tenuto nel Pala Black della sede di via Santa Barbara, mentre una nuova assemblea è stata proclamata ufficialmente per martedì 4 agosto, con successivo incontro tra società e sindacati.

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium