/ Agricoltura

Agricoltura | 28 luglio 2020, 08:53

Vendemmia: Coldiretti Cuneo lancia l'SOS per gli stagionali in arrivo dalla Romania

L’obbligo di quarantena per i romeni impone di ripensare urgentemente la disciplina dei voucher. Resta prioritario ridurre il costo del lavoro

Immagine di repertorio - PH DEBORA LOMBARDI

Immagine di repertorio - PH DEBORA LOMBARDI

Sono oltre 100mila gli stagionali agricoli che ogni anno arrivano in Italia dalla Romania, per i quali ora torna la quarantena obbligatoria con possibili ripercussioni anche nella Granda, in termini di manodopera mancante per la vendemmia alle porte.

Lo rileva Coldiretti Cuneo in riferimento al nuovo vincolo della quarantena imposto dal Ministro della Salute Roberto Speranza per chi abbia soggiornato in Romania, oltre che in Bulgaria, negli ultimi 14 giorni.

Circa 1/3 dei braccianti stagionali assunti dalle aziende cuneesi arriva dalla Romania; molto spesso si tratta delle medesime persone già formate e qualificate, che ogni anno attraversano i confini per  un lavoro stagionale e fanno poi ritorno nel Paese d’origine, con le quali le aziende agricole hanno stabilito nel tempo un rapporto di fiducia.

Molti di questi lavoratori si trovano già sul nostro territorio per le raccolte della frutta ma permane la preoccupazione per gli arrivi in vista dell’imminente vendemmia.

In questo contesto – sostiene Roberto Moncalvo, delegato confederale di Coldiretti Cuneo – è urgente una radicale semplificazione del voucher agricolo che possa ridurre la burocrazia e consentire anche a percettori di ammortizzatori sociali, studenti e pensionati italiani lo svolgimento dei lavori nelle campagne in un momento in cui tanti lavoratori sono in cassa integrazione e le fasce più deboli della popolazione sono in difficoltà”.

Nella nostra Provincia sono circa 1.800 le aziende vitivinicole che ogni anno impiegano oltre 4.000 lavoratori per la raccolta delle uve e che potrebbero beneficiare del voucher semplificato.

I voucher – ricorda Coldiretti Cuneo – sono stati introdotti per la prima volta nel 2008 proprio per la vendemmia con l’obiettivo di ridurre la burocrazia e dare una possibilità di integrazione del reddito a studenti e pensionati.

Negli anni successivi quello dei campi è stato l’unico settore rimasto legato all’originaria disciplina “sperimentale” con tutte le iniziali limitazioni e con gli accresciuti appesantimenti burocratici che ne hanno limitato l’utilizzo e che ora vanno eliminati.

Rimane fondamentale – aggiunge Moncalvo – intervenire per ridurre il costo del lavoro a carico delle imprese allo scopo di colmare il divario con il resto dei Paesi UE”.

Per maggiori informazioni visitare il sito web https://cuneo.coldiretti.it

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium