/ Cronaca

Cronaca | 17 luglio 2020, 12:43

Uccide la compagna a Carmagnola, poi si suicida a Bagnolo: toccherà ai Carabinieri far luce sul movente del gesto di Pasquale Mattana (FOTO)

71 anni, originario della Sardegna, da tempo abitava in Valle Infernotto. Stamane ha sparato alla compagna, Eufrosina Martini, per poi chiamare il figlio e confessare il gesto. Tornato a Bagnolo Piemonte, si è suicidato con la stessa arma, in un appartamento di via Cavour. Tra i due non c’erano mai stati episodi di violenza noti alle Forze dell’ordine

I Carabinieri di fronte all'abitazione di via Cavour, a Bagnolo Piemonte. Nel riquadro, Pasquale Mattana

I Carabinieri di fronte all'abitazione di via Cavour, a Bagnolo Piemonte. Nel riquadro, Pasquale Mattana

Toccherà agli inquirenti cercare di far luce sul movente alla base dell’omicidio di questa mattina a Carmagnola, dove, all’interno della sua casa di via Gozzano 10, è stata uccisa Eufrosina Martini, 68enne originaria di Busca, ex dipendente dell’ospedale Molinette di Torino.

A premere il grilletto della pistola e a far fuoco contro la donna, Pasquale Mattana, 71 anni, originario di Villaputzu, in provincia di Cagliari, ma residente da tempo a Bagnolo Piemonte. Mattana ha esploso un solo colpo d’arma da fuoco contro la compagna, che si è però rivelato fatale. 

Con il corpo della donna riverso a terra, Mattana ha chiamato il figlio, confessando l’omicidio. Poi, si è dato alla fuga: è tornato a Bagnolo Piemonte, dove – con la stessa arma con cui ha ucciso la compagna, si è suicidato con un colpo alla testa, all’interno di un appartamento di via Cavour.

A Carmagnola sono intervenuti i Carabinieri della compagnia di Moncalieri. I militari, entrati all’interno dell’abitazione di via Gozzano, hanno rinvenuto il cadavere della donna. Ad una quarantina di chilometri di distanza, a Bagnolo Piemonte, scattato l’allarme dopo lo sparo, sono intervenute i militari dell’Arma della compagnia di Saluzzo, con il capitano Giuseppe Beltempo.

Per Mattana a nulla sono valsi i soccorsi dell’emergenza sanitaria territoriale 118, sul posto con un’ambulanza di Cavour e con l’elisoccorso decollato dalla base di Torino. L’uomo è morto pressochè sul colpo.

Si apprende che la pistola impugnata da Mattana era regolarmente detenuta e che, stando alle prime ricostruzioni dei Carabinieri, non risultano precedenti denunce imputabili all'assassino.

Non risultano nemmeno precedenti legati a liti, alterchi o violenze tra i due.

A Bagnolo Piemonte capitava sovente di trovare in giro per il paese Mattana, pensionato, che qui era conosciuto da molti.

redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium