/ Sanità

Sanità | 02 luglio 2020, 08:01

Sanità, UNCEM segnala la mancanza di medici e pediatri nelle alte valli: "Bisogna incentivare la presenza e l'apertura di studi, serve il contratto integrativo regionale"

Uncem chiede alla Regione Piemonte di dare seguito a questo comma per evitare la situazione peggiori e renda ancor più precari i servizi nelle aree montane

Foto generica

Foto generica

L'allarme lanciato negli ultimi giorni da numerosi Sindaci piemontesi a causa dell'abbandono di pediatri e medici di base si supera solo in un modo: introducendo degli incentivi economici per coloro che mantengono aperti gli studi medici nei Comuni delle alte valli.

Numerosi problemi sono stati evidenziati, negli ultimi giorni, in Val di Susa e in Val Sesia. La soluzione, secondo Uncem, è solo una. Attuare in Piemonte, prima regione in Italia, quanto è stato previsto nella legge 60-2019 (la conversione del DL Calabria, pubblicata in Gazzetta il 2 luglio 2019) il comma 6 dell'articolo 12, che alla lettera b scrive che è possibile "prevedere modalità e forme d'incentivo per i medici inseriti nelle graduatorie affinché sia garantito il servizio nelle zone carenti di personale medico nonché specifiche misure alternative volte a compensare l’eventuale rinuncia agli incarichi assegnati". 

Uncem chiede alla Regione Piemonte di dare seguito a questo comma per evitare la situazione peggiori e renda ancor più precari i servizi nelle aree montane. Uncem conferma la disponibilità a essere coinvolta nei tavoli organizzativi regionali e nazionali con i medici e i loro Sindacati.

comunicato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium