/ Economia

Economia | 05 giugno 2020, 07:00

Banca Sella lancia Axerve, il primo hub dei pagamenti in Italia

Sfruttare la tecnologia più innovativa per offrire soluzioni semplici che permettano agli utenti di accettare diversi sistemi di pagamenti in maniera integrata

Banca Sella lancia Axerve, il primo hub dei pagamenti in Italia

Sfruttare la tecnologia più innovativa per offrire soluzioni semplici che permettano agli utenti di accettare diversi sistemi di pagamenti in maniera integrata: questo è l’obiettivo che Banca Sella ha voluto perseguire con la creazione di Axerve, che può essere considerato il primo hub dei pagamenti in Italia. Axerve è un marchio completamente nuovo e permette una gestione integrata e completa di tutti i tipi di pagamenti sia fisici che digitali. L’obiettivo è quello di soddisfare le richieste delle imprese di una soluzione omnicomprensiva in materia anche se non sempre è facile scegliere il miglior pos mobile adatto alla propria attività.

La scelta di Axerve

Banca Sella ha deciso di creare Axerve dopo aver studiato in modo attento le esigenze dei suoi clienti, in particolare delle PMI, che lamentavano la necessità di gestire i pagamenti effettuati in modo diverso con un sistema semplice. Il problema era legato al fatto che spesso queste aziende dovevano dotarsi di diversi dispositivi POS per essere in grado di accettare pagamenti diversi dai clienti, cercando sempre di seguire l’evoluzione della tecnologia in materia.

Axerve nasce proprio per dare una risposta semplice e unica a queste richieste: e lo fa fornendo agli utenti tutti gli strumenti che possono essere utili per scegliere nel modo giusto quali soluzioni tecniche adottare. L’offerta comprende infatti tutta una serie di dispositivi con caratteristiche diverse, a cui corrispondono diversi servizi e quindi una diversa tariffa: il tutto con un sistema improntato alla massima chiarezza e semplicità.

Servizi e costi di Axerve

Fra le offerte di Axerve si trova Easy: questa offerta prevede il pagamento di un canone mensile che non è però fisso, ma che varia in base a quanto incassato tramite il dispositivo POS durante 12 mesi. Quindi, gli utenti che hanno un incasso fino a un massimo di 10.000 euro attraverso il POS, andranno a pagare un canone mensile pari a 15 euro più iva; se invece gli incassi annuali tramite POS sono compresi fra 10.001 a 30.000, il canone avrà un costo pari a 20 euro più iva. Per tutti quegli utenti che incassano tramite POS somme maggiori di 30.000 euro all’anno è stato predisposto un servizio ulteriore di consulenza (offerta premium). Oltre al pagamento del canone, non sono previsti ulteriori costi: quindi non ci sono commissioni sulle transazioni effettuate e nemmeno per la disdetta del servizio. Axerve mensilmente manda agli utenti un report che comprende il totale delle transazioni effettuate dal dispositivo, fermo restando la possibilità di controllare questi dati anche accedendo all’area personale nel sito web dedicato a questo servizio.

Oltre a questo servizio, è anche disponbile una soluzione completamente digitale che può essere collegata con Axerve: è il sistema Gestpay , una soluzione per la gestione degli store online che rientra nell’hub omnicomprensivo per i pagamenti progettato da Banca Sella.

 



MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium