/ Scuola e corsi

Scuola e corsi | 01 giugno 2020, 12:40

"Mascherina obbligatoria in classe a settembre? No, grazie. Attiverò l'homeschooling": la scelta di una mamma del Cuneese

Nei giorni scorsi sono state diffuse le linee guida per il rientro in aula a settembre. Il punto più controverso e discusso è proprio quello dell'obbligo di indossare le mascherine dai 6 anni in su. Molte mamme stanno pensando a scelte alternative

"Mascherina obbligatoria in classe a settembre? No, grazie. Attiverò l'homeschooling": la scelta di una mamma del Cuneese

"Obbligo di mascherina in classe? No, i figli me li terrò a casa. Attiverò un percorso di homeschooling". A scriverci una mamma di un paese a poca distanza da Cuneo. Ha già inviato la comunicazione alla dirigente dell'Istituto comprensivo frequentato da due dei suoi tre figli. 

E non sarà l'unica, perché l'argomento è tra quelli più caldi tra le mamme. E non sono quelle alternative, no vax, quelle che inseguono pedagogie alternative. Sono semplicemente le mamme che in questi lunghi mesi si sono ritrovate a dover gestire il lavoro da casa barcamenandosi tra figli e didattica a distanza, piattaforme, chat di classe e compiti.

Adesso, molte di loro, di fronte alla prospettiva dei propri figli in classe con la mascherina perenne, dicono NO. 

Lo scorso 28 maggio sono state rese note le linee guida del Comitato tecnico scientifico (Cts). In estrema sintesi, queste sono le regole principlai per il ritorno a scuola a settembre:

non presentarsi a scuola con una temperatura che sia superiore a 37.5 gradi corporei (anche se si punta sulla responsabilità personale e non verrà misurata all'ingresso)

distanziamento fisico di almeno un metro, che dovrà essere garantito con una riorganizzazione degli spazi interni alla scuola.

Obbligo di indossare la mascherina in ogni momento, tranne per la lezione di educazione motoria.

Ed è proprio sull'obbligo di mascherina che si stanno scatenando le proteste. E anche le prese di posizione.

Ci ha scritto questa mamma, che preferisce non essere identificata né identificare l'istituto comprensivo frequentato dai figli. Pubblichiamo qualche stralcio della sua lettera. 

"Dopo aver preso visione delle indicazioni del comitato scientifico per gestire il rientro in classe a settembre, mi trovo totalmente in disaccordo sul punto relativo all'obbligo di indossare le mascherine da parte dei bambini. Lo dicono sempre più persone e medici: l'uso prolungato del dpi in oggetto crea seri problemi (di respirazione, abbassamento delle difese immunitarie, micosi e dermatiti, infarto).

Sono convinta che un'adeguata riorganizzazione degli spazi, una pulizia approfondita degli spazi che verrà mantenuta quotidianamente e una corretta formazione del personale docente e ata che dovrà gestire il distanziamento fisico dei bambini siano più che sufficienti per garantire il rientro in classe.

Qualora le disposizioni non dovessero cambiare sarà mia cura presentare una richiesta ufficiale per l'attivazione di un percorso educativo homeschooling gestito direttamente da me.

Credo sia arrivato il momento di accendere il lume della ragione e spegnere la paura".

E' probabile che da qui a settembre le cose cambino ancora. Molto dipenderà dai prossimi mesi, da ulteriori elementi che si dovessero raccogliere sull'eventuale ritorno del virus e in che forma. Ma la strada pare tracciata. Di fronte all'obbligo, per i bambini sopra i 6 anni, di dover stare in classe 4 o 5 ore con la mascherina, molte mamme sono pronte a fare scelte alternative.

Barbara Simonelli

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium