/ Attualità

Attualità | 29 maggio 2020, 12:27

Bra, la Regione ci dia un "punto di primo intervento" come a Giaveno

I gruppi della maggioranza consiliare tornano sul mancato ripristino del Pronto soccorso cittadino: "Criterio della distanza da Dea risulta totalmente arbitrario: coi suoi 55.000 abitanti il nostro territorio merita un presidio sanitario all’altezza"

L'ingresso del Pronto soccorso braidese, chiuso nel marzo scorso

L'ingresso del Pronto soccorso braidese, chiuso nel marzo scorso

Ai piedi della Zizzola continua a tenere banco il tema dell’ospedale in fase di dismissione e della mancata riapertura del Pronto soccorso cittadino, già oggetto nei giorni scorsi delle proteste del sindaco Gianni Fogliato (leggi qui), della replica dell’assessore Icardi (qui) e di uno scritto firmato dai consiglieri del gruppo Lega Nord (qui). A seguire riportiamo invece l’intervento sottoscritto dai gruppi componenti la maggioranza consiliare di centrosinistra.



Nella giornata del 26 maggio l’assessore Icardi aveva annunciato la riapertura dei Pronto Soccorso chiusi dalla sera alla mattina il 20 marzo scorso, non dicendo che l’unico a non riaprire sarà quello di Bra.

Sollecitato da una nostra richiesta per non aver neppure citato il nostro territorio, dimenticando così circa 55.000 cittadini che ne fanno parte, ha prontamente replicato che il Pronto Soccorso di Bra non aprirà più, smentendo così le sue stesse parole di marzo (la lettera da lui firmata parlava di sospensione dell’attività).

Ben sappiamo, noi braidesi, che la prospettiva era quella di un ospedale unico a Verduno e della chiusura degli ospedali di Bra e Alba. Ma sappiamo altrettanto bene che gli accordi tra regione, Asl e enti locali erano chiari: nessun depotenziamento dei presidi cittadini finché l’ospedale "Ferrero" non fosse stato pienamente operativo. E in contemporanea istituzione a Bra e Alba delle Case della Salute con presidi sanitari di primo intervento.

I vertici regionali hanno invece disatteso totalmente questi accordi, con una decisione assolutamente anomala anche tenendo conto dell’emergenza, di fatto chiudendo l’ospedale di Bra, adibendo quello di Alba in forma ibrida e pericolosa a parziale ospedale COVID, mentre l’utilizzo della struttura di Verduno per l’emergenza si è trasformato in pochi posti dedicati ai convalescenti.

Si arriva così alla richiesta, tanto della Giunta Braidese quanto dei gruppi consiliari di maggioranza, di garantire all’interno della Casa della Salute di Bra, a servizio di tutto il territorio circostante, un Punto di Primo Intervento (Ppi) sul modello di quello già operativo a Giaveno, in collaborazione col 118.

La risposta dell’assessore è lapidaria: non se ne fa nulla perché a 9 km di distanza ci sarà (tra almeno due mesi) un Dea. Vogliamo evidenziare come tale ragionamento sia legato a una concezione di sistema sanitario ormai vecchio di 30 anni, totalmente ospedalecentrico, mentre la moderna concezione di sistema sanitario è basata su centri ospedalieri di eccellenza affiancati da servizi territoriali diffusi per l’assistenza al cittadino.
Crediamo che nel 2020 sia opportuno cominciare a ragionare in modo più moderno, secondo le più recenti linee guida di sanità territoriale, abbandonando l’approccio in uso 30 anni fa. Approccio che ha dimostrato tutta la sua debolezza proprio con la pandemia di Covid-19, per la gestione della quale il Piemonte si è rivelato carente, mentre regioni come Veneto ed Emilia Romagna, che avevano puntato sulla medicina di territorio, sono risultate decisamente più efficaci.

Segnaliamo poi come il criterio della distanza da un pronto soccorso Dea risulta totalmente arbitrario, tanto che altre regioni utilizzano altri parametri, come il numero di utenti potenziali. Il territorio braidese, con i suoi 55.000 abitanti, merita un presidio sanitario all’altezza.

La richiesta di avere a Bra un Punto di Primo Intervento si inserisce proprio in un’ottica contemporanea e moderna di sistema sanitario: un sistema in cui al cittadino si fornisce una rete di assistenza territoriale capace di occuparsi direttamente di casi meno gravi, e di indirizzare tramite 118 all’ospedale più adeguato (Verduno o altri) i casi di maggior gravità. Un sistema in cui non è il cittadino a farsi medico decidendo in quale ospedale recarsi, ma il sistema sanitario ad essere facilmente accessibile e a gestire le necessità secondo le migliori pratiche.

I gruppi consiliari del centrosinistra braidese
Partito Democratico
Impegno per Bra
Bra Bene Comune
Bra Città per Vivere

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium