/ Attualità

Attualità | 12 aprile 2020, 17:08

In Piemonte restano chiuse librerie, cartolerie e negozi di abbigliamento per l'infanzia

L’ordinanza sarà firmata in giornata dal presidente della Regione Cirio. La notizia era già nell'aria dalla giornata di ieri 11 aprile. La conferma ufficiale oggi

In Piemonte restano chiuse librerie, cartolerie e negozi di abbigliamento per l'infanzia

La notizia era nell'aria già nella giornata di ieri 11 aprile. Mancava solo l'ufficialità, arrivata oggi 12 aprile. Vero è che già ieri alcune librerie della città di Cuneo avevano espresso perplessità rispetto alla possibilità di aprire e un'altra, tramite le pagine Facebook, aveva confermato l'intenzione di non farlo. 

Dall Regione è arrivata la comunicazione che tutti attendevano: il Piemonte prosegue con la linea del rigore per il contenimento del coronavirus.

Tutte le regole in vigore in questo momento sul territorio regionale saranno prorogate fino al 3 maggio. Restano quindi chiuse anche le librerie, le cartolibrerie e i negozi di abbigliamento per l’infanzia.

Resta salva, però, la possibilità di vendita con consegna a domicilio per tutte le diverse categorie merceologiche.

Lo comunica il presidente della Regione Piemonte Alberto Cirio che questa mattina ha convocato una giunta per affrontare il tema dell’ordinanza che verrà firmata nelle prossime ore.

“Oggi è un giorno che abbiamo sempre vissuto come una festa e so che per tutti è un grande sforzo continuare a mantenere e rispettare la linea del rigore, ma è l’unico modo per non vanificare i sacrifici fatti finora“ ha commentato il presidente Cirio.

“Capiamo bene la difficile situazione che stanno vivendo i nostri commercianti
- sottolinea l’assessore alla Cultura, Turismo e Commercio della Regione Piemonte Vittoria Poggio -, ma le esigenze di tutela della salute ci impongono queste scelte. Non li lasceremo però soli, non soltanto sostenendoli in ogni forma di vendita a domicilio oggi, ma soprattutto con misure economiche specifiche di risarcimento per chi, come loro, ha subito insieme alla chiusura anche la concorrenza della grande distribuzione”.

Martedì, inoltre, la Giunta proseguirà il suo confronto con il Politecnico di Torino e le categorie, settore per settore, con l’obiettivo di definire un documento da proporre al governo ed essere pronti, non appena le condizioni lo consentiranno, ad un piano di riapertura delle attività produttive nel rispetto della sicurezza.

Sempre martedì, insieme a prefetture ed Ance verrà fatto anche un approfondimento sulla situazione dei cantieri.

Redazione

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium