/ Agricoltura

Agricoltura | 02 aprile 2020, 07:30

La Giunta regionale aumenta dal 50 all’80% l'anticipo del buono relativo al gasolio agricolo agevolato

Un provvedimento messo in cantiere per fronteggiare le difficoltà legate alle restrizioni di contenimento del coronavirus. In questo modo si consente lo snellimento delle procedure e, visto l’attuale minor prezzo del carburante, un risparmio sui costi di produzione del mondo rurale. Le domande vanno presentate entro il 30 giugno. Roberto Moncalvo (Coldiretti), Enrico Allasia (Confagricoltura), Claudio Conterno e Igor Varrone (Cia) esprimono la loro soddisfazione per la misura

Un trattore al lavoro in un'azienda agricola

Un trattore al lavoro in un'azienda agricola

La Giunta regionale, su proposta dell’assessore all’Agricoltura, Marco Protopapa, a causa dell’emergenza coronavirus e in considerazione delle restrizioni agli spostamenti imposti dai Decreti del Governo, ha deliberato di aumentare per il 2020 dall’attuale 50% all’80%, rispetto al 2019, la percentuale di anticipo del buono relativo al gasolio agricolo a prezzo agevolato (parzialmente esente da accisa) che gli imprenditori del settore consumano nelle loro attività. Usando trattori e macchine operatrici.

Obiettivo? Andare incontro alle esigenze del mondo rurale, incrementando la disponibilità del prodotto a favore di ogni azienda e diminuendo drasticamente la necessità per gli utenti di ricorrere a ulteriori assegnazioni a saldo. L’intervento si inserisce in un percorso già avviato dall’Amministrazione regionale,  che consente agli agricoltori di presentare la richiesta di assegnazione del carburante con modalità semplificate senza doversi recare nei centri autorizzati.

Cosa vuol dire in pratica il provvedimento? Gli operatori rurali che hanno già ricevuto nel 2020 un conferimento in anticipo, sulla base della percentuale in vigore del 50%, possono richiedere un secondo supplemento dell’ottenuto fino all’80% del quantitativo ammesso ad agevolazione fiscale consumato nell’anno precedente. In passato la percentuale è sempre stata minore. Le richieste di anticipo vanno inoltrate entro il 30 giugno 2020. L’utente dovrà poi regolarizzare l’assegnazione una volta terminata la fase emergenziale.

“Attraverso il provvedimento - sottolinea l’assessore Protopapa - abbiamo voluto facilitare gli agricoltori piemontesi nelle procedure amministrative alle quali devono sottostare per beneficiare delle agevolazioni. Questo perché il particolare momento di difficoltà determinato dal coronavirus non permette di accedere agevolmente ai Centri di Assistenza agricola”.

Ma non solo. “La Regione Piemonte è la prima che ha deciso di portare la percentuale di assegnazione del carburante agricolo agevolato a titolo di anticipo fino al massimo dell’80%. Inoltre, considerando anche l’attuale minor costo del gasolio, si tratta di un’ulteriore opportunità per le nostre aziende di avere un risparmio immediato sui costi produttivi”.

Le Associazioni di categoria sono molto soddisfatte per la decisione.

Roberto Moncalvo, delegato confederale di Coldiretti Cuneo: “Il provvedimento, arrivato dopo le sollecitazioni della nostra organizzazione, va incontro agli agricoltori, aumentando la disponibilità di gasolio in una fase di forte emergenza come quella che stiamo vivendo. Con un risparmio sulle spese vive visto il minor costo del carburante e uno snellimento delle procedure”.

Enrico Allasia, presidente di Confagricoltura Piemonte e Confagricoltura Cuneo: “Si tratta di una scelta importante che dimostra la sensibilità della Regione verso il nostro settore. Avevamo sollecitato l’assessore Protopapa sulla materia e oggi lo vogliamo ringraziare a nome del mondo rurale piemontese per l’impegno che sta dedicando a fronteggiare l’emergenza. L’agricoltura sta svolgendo un compito importantissimo, lavorando a pieno ritmo per non far mancare gli approvvigionamenti a tutta la filiera alimentare e continuerà a farlo nell’interesse dei cittadini e del Paese”.  

Claudio Conterno e Igor Varrone, presidente e direttore di Cia-Agricoltori Italiani Cuneo: “Per primi ci siamo fatti portavoce di questa importante misura, subito recepita dall’assessore Protopapa che ringraziamo. Siamo soddisfatti perché, in questo modo, gli operatori del settore possono rifornirsi del carburante necessario, tra l’altro a prezzo decisamente più basso, e continuare la stagione produttiva senza dover adempiere subito alle pratiche burocratiche che verranno poi svolte in seguito. Potendo, così, lavorare a pieno ritmo per garantire a tutti le scorte necessarie in questo periodo di emergenza”.      

Sergio Peirone

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium