/ 

| 24 febbraio 2020, 15:43

Partiti per New York (senza docente per disposizioni Coronavirus) 9 dei 16 studenti di Cuneo: saranno accompagnati da tutor

Si tratta di allievi di terza e quarta frequentanti il liceo classico e scientifico Pellico-Peano. Le famiglie hanno scelto in autonomia: il viaggio è possibile perché non rientra nelle gite d’istruzione scolastiche. Partiti oggi alle 15,40 saranno nella Grande Mela per una settimana in occasione delle simulazioni delle assemblee Onu tenute dagli studenti di tutto il mondo

Partiti per New York (senza docente per disposizioni Coronavirus) 9 dei 16 studenti di Cuneo: saranno accompagnati da tutor

Sono partiti alle 15,40 di oggi, lunedì 24 febbraio, 9 alunni delle classi terze e quarte del Liceo classico e scientifico di Cuneo Pellico-Peano alla volta di New York. Gli studenti parteciperanno all’iniziativa organizzata dalla United Network con cui la scuola cuneese ha una convenzione e da anni organizza trasferte negli Usa per le simulazione dell’assemblea Onu riservate alle scolaresche. Un’opportunità che, vista l’allerta “coronavirus” rischiava di tramontare: ma - come spiegato ieri a Targatocn.it dal dirigente Alessandro Parola - non è legata alle uscite scolastiche sospese dal ministro Lucia Azzolina.

La parte organizzativa e amministrativa del progetto è in mano all’associazione con cui le famiglie dei ragazzi hanno siglato un contratto. La scuola in questi casi garantisce, da sempre, la presenza di un docente per l’accompagnamento. Ma dopo la situazione che si è venuta a creare il personale scolastico non può seguire le classi nella trasferta come prevede il decreto ministeriale.

Nella tarda serata di ieri, domenica 23 febbraio, le famiglie si sono trovate in una riunione straordinaria con il dirigente. Da qui si è optato che la partenza per New York dei propri figli rimane su scelta volontaria dei genitori i quali hanno già pagato la quota in questione che prevede il volo e il pernottamento per una settimana nella grande Mela. E' stato quindi spiegato che per chi avesse deciso di partecipare all’iniziativa sarebbe stata garantita la presenza di un tutor, fornito dalla United Network, che avrebbe accompagnato i ragazzi dalla partenza a Malpensa e durante tutta le settimana, volo di ritorno compreso.

Alcuni genitori hanno scelto di non far partire i propri figli: sarebbero dovuti essere 16 in totale, ma 7 alunni, valutata la situazione, resteranno a Cuneo.

“Le famiglie hanno capito che la scelta di non garantire la presenza di un docente con i ragazzi era frutto di un decreto di emergenza – spiega Alessandro Parola Siamo in continuo contatto con l’associazione che ci ha garantito che seguirà gli alunni le cui famiglie hanno scelto in autonomia di farli partire. Abbiamo chiesto un rimborso o un credito, invece, per coloro che non partiranno.”

L’iniziativa presso il palazzo di vetro delle Nazioni Unite riunisce ogni anno gli studenti da tutto il mondo. Oggi, sullo stesso volo dei ragazzi di Cuneo, sono partiti altri studenti provenienti dal Nord italia.

Daniele Caponnetto

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium