/ Attualità

Attualità | 11 febbraio 2020, 13:39

"Un arrivo eccellente in Questura a Cuneo": Stefania Pierazzi alla guida della Polizia amministrativa, sociale e dell'immigrazione

La neo prima dirigente ha preso servizio ieri 10 febbraio. Il Questore: "La voleva mezza Italia e sono contentissimo che sia qui da noi. Era quello di cui avevamo bisogno. Sarà, con il vicario, il mio braccio destro"

Il questore Emanuele Ricifari con la dottoressa Stefania Pierazzi

Il questore Emanuele Ricifari con la dottoressa Stefania Pierazzi

"La voleva mezza Italia e sono contentissimo che sia da noi!": è con queste parole che il questore Emanuele Ricifari ha presentato, questa mattina, il nuovo acquisto della Questura di Cuneo.

Da ieri ha preso servizio in città la prima dirigente, da poco pomossa, Stefania Pierazzi, nata a Grosseto 55 anni fa e in arrivo da Prato, dove ha diretto per molti anni l'ufficio immigrazione.

A Cuneo dirigerà il settore di Polizia amministrativa, sociale e dell’immigrazione (PASeI), prendendo il posto della dottoressa Rosanna Minucci, trasferita ad Alessandria.

Entrata in Polizia all'età di 23 anni, cresciuta tra le divise, non ha mai avuto dubbi su quello che avrebbe fatto nella vita.

"Non era scontato avere una persona di così alta qualità e competenze per un settore nevralgico, che si occupa di passaporti, licenze, immigrazione, esercizi pubblici e di tanto altro. Era quello di cui avevamo bisogno. Assieme al vicario - la dottoressa Paola Capozzi - sarà il mio braccio destro", ha detto ancora il questore presentandola.

Non solo: della prima dirigente sono state anche evidenziate le competenze tecnologiche e amministrative, acquisite in anni di lavoro come direttrice del servizio operativo della Polizia Postale.

Il lavoro svolto dalla Pierazzi a Prato, palestra nazionale sul tema immigrazione, è stato esportato anche in altre realtà. "Il fine - ha spiegato la stessa dirigente - è quello di migliorare l'accesso agli uffici, in particolare per favorire la cittadinanza. Stiamo studiando un sistema, per l'ufficio immigrazione, che replichi quello dell'ufficio passaporti, con prenotazioni online che evitino le lunghe attese. Lavoreremo per migliorare le procedure".

Barbara Simonelli

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium