/ Cronaca

Cronaca | 16 gennaio 2020, 13:29

In manette un 25enne di Cuneo: in casa aveva 60 grammi di coca e 350 di marijuana

A destare i sospetti e far scattare il blitz, un abbraccio fugace, in realtà una cessione di droga, tra il giovane e un uomo albanese

Cocaina e marijuana sono state rinvenute dagli uomini della Questura

Cocaina e marijuana sono state rinvenute dagli uomini della Questura

Continua a Cuneo l'impegno della Polizia di Stato nel contrasto allo spaccio di sostanze stupefacenti. A fine 2019 è stato arrestato un giovane di 25 anni, I.C., residente nel quartiere Donatello. In casa aveva 60 grammi di cocaina, 350 di marijuna e oltre 1600 euro in contanti, di cui non ha saputo fornire giustificazioni.

Da tempo la zona del quartiere Donatello è oggetto di controlli delle Forze dell'ordine: gli agenti della Polizia di Stato hanno organizzato appostamenti in borghese, dopo le numerose segnalazioni di viavai sospetti di persone che, poi, si sono rivelate pregiudicate.

L'attività investigativa è scaturita da un pattugliamento svolto nell'ambito di quest'intensificazione dei controlli, volti al contrasto dello spaccio di sostanze stupefacenti. 

Gli agenti, appostati davanti ad un cortile in un'auto civetta, hanno notato due individui, un italiano di 25 anni e un albanese di 33 anni, che, dopo essersi incontrati, hanno attirato l'attezione della Polizia per essersi "abbracciati" fugacemente.

L'albanese è poi salito sulla sua macchina, insieme ad altri due uomini, italiani. Ma gli agenti sul posto, insospettiti da quanto stava accadendo, lo hanno seguiti sino al parcheggio di un noto supermercato della Città.

Qui è avvenuto, tra gli uomini in auto, un nuovo scambio di sostanze stupefacenti. Immediato l'intervento della Polizia, che ha fermato i tre individui, tutti noti alle Forze dell'ordine.

L'albanese è stato arrestato in flagranza di reato per spaccio di cocaina. L'uomo ora ha l'obbligo di firma, giornaliero, presso l'autorità di Polizia Giudiziaria. 

L'italiano, classe 1994, di origine campana, era stato già condannato in passato per rapina ai danni di esercizi commerciali, attualmente in regime di arresto domiciliare.

All'interno della sua abitazione è stata effettuata una perquisizione, alla presenza dei propri genitori (che non erano a conoscenza di quanto accaduto), durante la quale sono state rinvenuti materiale per confezionamento, 60 grammi di cocaina e 350 grammi di marijuana. Trovati inoltre 1670 euro di contanti ingiustificati.

E stato condannato per spaccio.

Gianni Covino

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium