/ Eventi

Eventi | 25 dicembre 2019, 18:36

A Bra AIDO ha una nuova sede, una casa per 17.000 candidati donatori

Forti di un protocollo d'intesa siglato, primi in Italia, tra la città di Bra ed AIDO sull'onda di un accordo nazionale firmato con ANCI, l'amministrazione comunale con a capo il Sindaco Gianni Fogliato ed il particolare interessamento dell'Assessore Massimo Borrelli, ha accolto la necessità di dar custodia ai quasi 17.000 atti olografi sottoscritti da tutti coloro che hanno aderito al "dono

A Bra AIDO ha una nuova sede, una casa per 17.000 candidati donatori

L'Associazione Italiana per la Donazione di Organi, Tessuti e Cellule Sezione Provinciale di Cuneo e Gruppo Comunale di Bra ha oggi una nuova sede nella città terra natia del Cottolengo e patria di Slow Food.

Forti di un protocollo d'intesa siglato, primi in Italia, tra la città di Bra ed AIDO sull'onda di un accordo nazionale firmato con ANCI, l'amministrazione comunale con a capo il Sindaco Gianni Fogliato ed il particolare interessamento dell'Assessore Massimo Borrelli, ha accolto la necessità di dar custodia ai quasi 17.000 atti olografi sottoscritti da tutti coloro che hanno aderito al "dono".

Ecco allora che con il supporto della Fondazione CRBra (ora Fondazione CRC) del Presidente Donatella Vigna e con il fattivo interessamento dei massimi riferimenti dirigenti della CRBra Gruppo BPER, Francesco Guida (Presidente) e Paolo Cerutti (Direttore Generale), ha permesso giorno dopo giorno di dar vita in Palazzo Mathis ad una piccola, ma efficiente ed efficace sede operativa che permetterà un'ulteriore crescita, già oggi significativa, ma che gli oltre 8.800 malati in lista d'attesa pongono ad un necessario e fondamentale ulteriore impegno.

"Siamo assolutamente soddisfatti di questa nuova casa che permetterà di lavorare ancorpiù alacremente con professionalità ed ordine" - dice il Segretario Nazionale e massimo dirigente AIDO della provincia "Granda" Gianfranco Vergnano che aggiunge - "La sede di Palazzo Mathis, abbellita da uno splendido e significativo dipinto a firma dell'artista Francesca Semeraro, sarà un punto di riferimento per tutti i volontari che in modo gratuito ed altruista con costanza giornaliera dedicano il proprio tempo libero per dar cultura, informazione e conoscenza al "dono" per ovviare a dubbi e perplessità".

"La Sezione Provinciale AIDO di Cuneo è, in termine di raccolta adesioni, da alcuni anni la prima realtà in Piemonte e vedere una partecipazione così numerosa di dirigenti dei tanti Gruppi Comunali presenti sul cuneese, rende evidente il senso di squadra e di unione che dà ragione all'esser vincenti e penetranti nell'azione associativa: di tutto questo non posso non provare orgoglio e soddisfazione" - dice il Presidente Regionale AIDO Piemonte Valter Mione "in prima fila" al "taglio del nastro".
Tra le tante autorità che hanno onorato questo importante evento "firmato" AIDO anche il Presidente CSV Società Solidale Cuneo Mario Figoni, i referenti medici dell'attività di coordinamento prelievo d'organo delle ASL Alba/Bra, Graziano Carlidi e Savigliano, Pasquale Portolese, il Direttore della CRBra filiale sede Giuseppe Guerriero ed il noto bozzettista umorista Danilo Paparelli.
                         

comunciato stampa

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium