/ Attualità

Attualità | 26 settembre 2019, 14:45

Non solo Friday for Future a Cuneo. Sul Monviso la veglia funebre per i ghiacciai

Corteo domani nel capoluogo, con ritrovo alle 9 in piazza Europa. Cinque alpinisti saliranno invece al Colle delle Cadreghe, a 3130 metri, per testimoniare la morte del ghiacciaio

Non solo Friday for Future a Cuneo. Sul Monviso la veglia funebre per i ghiacciai

Domani 27 settembre è la giornata del terzo Friday For Future, lo sciopero globale per il clima, lanciato dall'attivista svedese Greta Thunberg. Cuneo si prepara all'evento, che avrà inizio alle 9 da piazza Europa con un corteo che raggiungerà piazza della Costituzione.

Alla prima edizione, lo scorso 15 marzo, parteciparono circa 2 mila persone, soprattutto studenti. Questa edizione è organizzata dalla Consulta giovanile cittadina e sono tante le associazioni che hanno già dato la loro adesione.

A Cuneo arriveranno anche studenti di altri comuni limitrofi. Da Vignolo i partecipanti raggiungeranno il capoluogo in bicicletta partendo alle 8 da piazza Grande e alle 8.15 dalla chiesta parrocchiale di Santa Croce.

Ma non è l'unica iniziativa in programma per la giornata di domani: il 27 settembre si celebrerà anche il "requiem per il ghiacciaio del Monviso", una vera e propria veglia funebre. Perché i ghiacciai alpini stanno letteralmente morendo.

Il Nuovo Catasto dei Ghiacciai Italiani (2015) conteggia 13 unità glaciali superstiti (6 in Valle Gesso, nel Parco Naturale delle Alpi Marittime, e 7 intorno al Monviso), per un totale di 0,72 km2 di superficie, in riduzione dell'85% rispetto all'area raggiunta durante la Piccola Età Glaciale (1820-50) e stimata dal progetto Glariskalp tramite la georeferenziazione delle morene storiche.

Sono numerosi i ghiacciai interessati dall'iniziativa nei giorni che vanno dal 27 al 29 settembre. Un gesto simbolico quello della veglia funebre, per portare l’attenzione di cittadini, e non solo, sugli effetti dei cambiamenti climatici sul nostro pianeta, a partire dal nostro paese. 

Ispirati al funerale per il ghiacciaio scomparso in Islanda, i “Requiem per un ghiacciaio”, inizieranno il 27 settembre, in occasione dello sciopero globale per il clima dei Fridays For Future.

L’iniziativa di Legambiente Carovana delle Alpi, è inserita nella grande campagna di Legambiente sui cambiamenti climatici che inizierà nella settimana del 27 e che coincide con l’apertura del summit ONU sui cambiamenti climatici. E' organizzata in collaborazione con le associazioni Dislivelli e CINEMAMBIENTE. Aderiscono inoltre: Comitato di Cortilys, Dachverband für Natur- und Umweltschutz, La via di Malles, Libera Belluno, Mountain Wilderness, Italia Nostra – sezione di Belluno, Peraltrestrade, Vispo, Wwf Alto Adige.

Per il Monviso, a salire e a documentare lo stato del ghiacciaio saranno cinque alpinisti. Non è, infatti, un percorso adatto a persone non preparate.

Questo il programma:

Ore 8:00 – Ritrovo alla frazione Castello di Pontechianale

Ore 13.00 – Arrivo presso il Colle delle Cadreghe 3.130 m slm. Breve introduzione sui motivi dell’iniziativa. Descrizione della situazione dal punto di vista scientifico.

Brevi considerazioni da parte dei presenti seguiti da un impegno individuale per una buona azione che contribuisca alla mitigazione dei cambiamenti climatici.

Ore 19.00 – Rientro previsto a Castello di Pontechianale. 

Legambiente sezione di Barge sta cercando di organizzare un piccolo comitato di accoglienza degli alpinisti, quando termineranno la loro "missione" di testimoni dei ghiacciai che stanno scomparendo.

 

Barbara Simonelli

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium