/ Attualità

Attualità | 23 settembre 2019, 12:30

Alba, il Comune mette mano al Palazzo Mostre e Congressi: lavori per 280mila euro con un investimento di 10mila

Entro fine ottobre via ai lavori per la riqualificazione energetica dell’edificio di piazza Medford. Piazza Duomo limita la spesa grazie ai fondi di un bando ministeriale e alle restituzioni del Conto Termico

Il Palazzo "Giacomo Morra" di piazza Medford (foto Dave Carletti per Ente Fiera)

Il Palazzo "Giacomo Morra" di piazza Medford (foto Dave Carletti per Ente Fiera)

Dopo i 160mila euro relativi alla restituzione di oneri di urbanizzazione già pagati dal gruppo Ferrero per un progetto di ampliamento ora temporaneamente congelato, riguarda l’imminente riqualificazione energetica del Palazzo Mostre e Congressi "Giacomo Morra" di piazza Medford la seconda voce per entità di spesa contemplata dalla "manovrina" da 851mila euro che mercoledì passerà all’esame del Consiglio comunale albese, sotto le forme della 4ª variazione al bilancio di previsione 2019.

Nei giorni scorsi l’intervento è stato illustrato nella competente commissione consiliare dall’assessore Marco Marcarino, che tra le diverse deleghe ricoperte nella Giunta guidata dal sindaco Carlo Bo detiene – insieme a quelle relativa a Sicurezza e Polizia Municipale – quella all’Ambiente.   

Con una spesa complessiva di 280mila euro il Comune ha previsto di promuovere un importante rinnovamento dell’edificio a partire da una sua migliore coibentazione e dalla sostituzione dei serramenti, comprendendo anche il rifacimento dell’attuale copertura.

Un investimento importante, quindi, ma che secondo quanto spiegato dallo stesso assessore costerà però molto poco alle casse del Municipio. Da una parte Piazza Duomo ha infatti ottenuto un cofinanziamento da parte dello Stato per 130mila euro, potendo così limitare la propria esposizione ai rimanenti 150mila euro. Poi, approfittando del meccanismo che il cosiddetto Conto Termico contempla anche a favore degli enti pubblici, lo stesso Comune si vedrà restituita la metà della spesa sostenuta (quindi 140mila euro) nel giro di cinque anni.

Da qui un impegno a carico dei contribuenti albesi che, nel giro di un lustro, verrà limitato ad appena 10mila euro, a patto ovviamente di rispettare quanto previsto dal bando di finanziamento, a partire da un inizio lavori che dovrà essere effettuato entro la fine dell’ottobre alle porte.

"Condizione rispettabilissima – spiega l’assessore –, gli uffici sono pronti e quanto prima i lavori vedranno il via, coinvolgendo diverse ditte che saranno all’opera sui vari e diversi fronti dell’intervento complessivo".

Ezio Massucco

MoreVideo: le immagini della giornata

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium