/ Scuola e corsi

Scuola e corsi | 26 marzo 2020, 16:29

L’Ascom Bra in campo per aiutare il Comitato locale della Croce Rossa

Sessante tute protettive e venti mascherine donate ai volontari grazie all’impegno della Ferramenta Maccagno

L’Ascom Bra in campo per aiutare il Comitato locale della Croce Rossa

Nei momenti di grande difficoltà la solidarietà diventa una priorità. Questo è il principio di un piccolo gesto che Ascom, grazie alla disponibilità dell’associato Ferramenta Maccagno di Bra, ha realizzato nei confronti della Croce Rossa di Bra.

Un intervento che ha risposto all’appello lanciato anche sui canali social, attraverso una richiesta di donazioni per sostenere gli operatori: “La Croce Rossa di Bra da 35 anni è al servizio della comunità, attiva dal punto di vista del soccorso sanitario, protezione civile e aiuto alle fasce deboli della popolazione. Il lavoro continua senza sosta, ma l'emergenza Coronavirus ha cambiato le regole. Le protezioni normalmente usate nei servizi in ambulanza sono ora insufficienti, le mascherine scarseggiano e sono diventate difficili da reperire. Servono camici e tute di protezione monouso, occhiali, e tutta la dotazione necessaria per poter operare in sicurezza. Dopo ogni servizio a rischio infettivo il mezzo deve essere sottoposto a sanificazione. Il soccorso deve essere sicuro, per pazienti e operatori, ma i costi sono altissimi. Aiutiamo il Comitato di Bra a far fronte a tutto questo. Le scorte sono limitate e bisogna effettuare altri ordini nel giro di pochi giorni. Ricevere il tuo aiuto significa poter andare avanti. Non fermare il soccorso”.

Oggi, giovedì 26 marzo, il Comitato della Croce Rossa Italiana di Bra ha ricevuto una fornitura di 60 indumenti di protezione (tute Cat. 3, tipo 5-9, certificate CE64) e 20 mascherine.

Oltre agli interventi in emergenza, la Croce Rossa Italiana si sta impegnando a trasformare questo momento critico nel tempo della gentilezza, intensificando su tutto il territorio nazionale i servizi per le persone più vulnerabili e con maggior fragilità sociali e sanitarie, tra i quali la spesa a domicilio, il trasporto sociale, la consegna dei farmaci e dei beni di prima necessità.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium