/ Cronaca

Cronaca | 17 marzo 2020, 19:41

Coronavirus, 43 positivi in 18 comuni di Langhe e Roero

Nel 57% dei casi i pazienti sono stati trattenuti in ricovero, prevalentemente presso l’Aso Santa Croce e Carle di Cuneo. Da domenica 15 marzo verranno presi in cura anche dal reparto Covid appositamente organizzato ad Alba

Coronavirus, 43 positivi in 18 comuni di Langhe e Roero

I casi positivi sul territorio della ASL CN2 sono ad oggi 43, residenti in 18 comuni della ASL CN 2.

Nel 9% dei casi i cittadini hanno eseguito il test perché rilevati tra i contatti stretti di altri soggetti COVID +, pur essendo completamente asintomatici.

Nel 34% dei casi si tratta di soggetti con sintomatologia simil-influenzale di scarsa entità e sono o sono stati assistiti in isolamento domiciliare.

Nel 57% dei casi, invece, i pazienti sono stati trattenuti in ricovero, prevalentemente presso l’ASO Santa Croce e Carle di Cuneo, ma dalla giornata di domenica 15 marzo anche presso il reparto Covid appositamente organizzato ad Alba.

Ad aggi abbiamo registrato un decesso, avvenuto nei giorni scorsi all'ospedale di Bra. Si trattava di una 86enne residente a La Morra con multiple patologie.

E’ in corso di organizzazione l’apertura del presidio di Verduno per ospitare pazienti della Asl e di altre zone del Piemonte. Si approfitta dell’occasione per ringraziare il Dott. Giovanni Monchiero che, incaricato dalla Regione, ci supporterà come commissario ad acta in questa rilevante operazione.

Seguendo le disposizioni regionali, sono state inviate le comunicazioni che annullano l’esecuzione delle prestazioni ambulatoriali non urgenti, che verranno recuperate al cessare della situazione di emergenza. Sono sospese anche le attività chirurgiche non urgenti.

I cittadini sono invitati a non presentarsi presso l’Ospedale o presso gli ambulatori, se non per prestazioni o esigenze assolutamente non dilazionabili. Importante consultarsi sempre prima telefonicamente con il proprio MMG o chiamare il 112 in caso di urgenza.

La diffusione del contagio si può evitare seguendo attentamente le regole igieniche emanate dal ministero e precedentemente diffuse:
a) lavarsi spesso le mani. Si raccomanda di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
b) evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute e comunque evitare abbracci, strette di mano e contatti fisici diretti con ogni persona;
c) mantenere in ogni contatto sociale una distanza interpersonale di almeno un metro; d) evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, anche durante l’attività sportiva;
e) non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
f) coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
g) non prendere farmaci antivirali e antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
h) pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcol;
i) si raccomanda alle persone anziane o affette da patologie croniche di evitare di uscire dalla propria abitazione se non per urgenze; se l’uscita fosse effettivamente urgente, evitare luoghi affollati e contatti stretti con altre persone.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium