/ Attualità

Attualità | 20 febbraio 2020, 14:46

Bra, volano i numeri della differenziata: la città della Zizzola sfonda la soglia del 90%

I primi risultati ufficiosi dopo l’introduzione del sacchetto conforme proiettano il Comune tra le realtà più virtuose d’Italia. Gli scarti indifferenziati conferiti in discarica passano da 170 kg a 60-70 kg per residente

Ai numeri manca ancora il crisma dell’ufficialità, atteso coi dati definitivi che verranno comunicati a breve dal Coabser, ma se le prime indicazioni in arrivo dallo stesso consorzio troveranno conferma Bra potrà rivendicare un posto di tutto rispetto in cima alle classifiche dei comuni "ricicloni" non solo piemontesi, ma dell’intero Paese.

"Siamo in attesa del quadro definitivo, con la somma dei risultati relativi alle utenze domestiche, alle attività produttive e alle due isole ecologiche presenti in cittàspiega l’assessore comunale all’Ambiente Massimo Borrelli –. Ma le prime risultanze relative al 2019, anno di introduzione del 'sacco conforme', confermano valori di raccolta differenziata che vanno al di là di ogni più rosea aspettativa, con oltre il 90% di materiali separati, contro il 71.5% dell’anno precedente, e una quantità di scarti indifferenziati conferiti in discarica che è passata dai precedenti 170 kg pro capite a una forbice compresa tra i 60 e i 70 kg".

Simili valori proietterebbero Bra tra i primi comuni piemontesi di questa speciale classifica, se non il primo, se si guarda a realtà di dimensioni comparabili. E consentirebbero alla città della Zizzola di proseguire su quel percorso virtuoso che, grazie ai risparmi conseguiti dai minori conferimenti in discarica, nell’anno in corso ha consentito di confermare ed ampliare il percorso di riduzione delle tariffe Tari a carico delle proprie utenze, domestiche e non.  

"Un traguardo importante, che forse consente finalmente di andare oltre le tante discussioni e polemiche che accompagnarono l’introduzione della nuova modalità di raccolta – continua Borrelli –. Ovviamente rimane tanto da fare sul fronte di alcune criticità ancora sul tavolo, come quella dell’abbandono di rifiuti e delle discariche abusive. Ma anche qui stiamo operando attivamente, con la nostra Polizia Municipale che ha già identificato e sanzionato numerosi trasgressori e un impegno che continuerà ancora, anche con l’ausilio di foto trappole e fotocamere, per colpire chi non ha a cuore il bene della città".
 
Un altro bel risultato giunto intanto da questo fronte è quello che riguarda la quantità – ben 2 tonnellate – di sacchi arancioni conferiti dalle famiglie col passaggio al contenitore del nuovo colore.
"L’iniziativa che ha coinvolto le scuole ha fatto registrare una bella partecipazione da parte dei nostri ragazziconclude l’assessore Borrelli –. Ora, nell’attesa di verificare col Coabser un percorso comune per quanto riguarda le modalità di utilizzo dei sacchetti nelle prossime annualità, i sacchetti raccolti verranno recuperati, mentre già nelle prossime settimane le scuole riceveranno utile materiale didattico per le loro attività. Ci è sembrato un bel modo per coinvolgere i più giovani in questo virtuoso percorso di attenzione all’ambiente".

Ezio Massucco

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium