/ Agricoltura

Agricoltura | 19 febbraio 2020, 09:05

Abbruciamenti, Coldiretti Cuneo: "Bene la nuova deroga regionale"

Una maggior flessibilità è resa necessaria dai cambiamenti climatici che stravolgono tempi e necessità

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Coldiretti Cuneo plaude alla modifica normativa introdotta a livello regionale al divieto di abbruciamento di materiale vegetale. È stato stabilito che il divieto, in vigore dal 1° novembre al 31 marzo, possa essere derogato, con specifica ordinanza dei Sindaci, fino a 30 giorni anche non continuativi per i Comuni montani e fino a 15 giorni anche non continuativi per le aree di pianura.

“Un passo avanti importante – commenta il Delegato Confederale di Coldiretti Cuneo Roberto Moncalvoche, finalmente, elimina un divieto strutturale dannoso per il territorio, come avevamo sollecitato al Presidente Alberto Cirio, e su cui lui stesso si era impegnato in occasione della nostra manifestazione Bôgia Piemunt lo scorso 11 dicembre. Ringraziamo, dunque, il Governatore, il Consigliere Paolo Bongioanni e i componenti di III e V Commissione consiliare per il lavoro svolto”.

Questo risultato arriva dopo il secondo anno di applicazione di un provvedimento che – rimarca Coldiretti – ha avuto un forte impatto sulla gestione e sistemazione dei terreni agricoli, sulle produzioni e sulle imprese in particolare delle aree rurali, e che necessitava di essere modificato, anche alla luce dei cambiamenti climatici in atto che stravolgono tempi e necessità.

“Solamente grazie al lavoro e alla presenza costante delle nostre aziende – ribadisce Moncalvo è possibile preservare i territori dall’abbandono, svolgendo un insostituibile presidio rispetto all’assetto idrogeologico del nostro territorio, e mantenere un patrimonio naturale che ha una grande valenza turistica ed ambientale”.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium