/ Curiosità

Curiosità | 12 febbraio 2020, 14:49

Bocciata due volte alla maturità, fa un altro ricorso e rivince: studentessa di Mondovì sosterrà la prova orale per la terza volta

Dopo le bocciature di giugno e novembre, il Collegio di Stato ha dato ancora una volta ragione alla ragazza, che a breve tenterà nuovamente di superare l'esame

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Si arricchisce di un nuovo capitolo la vicenda che Targatocn.it vi ha raccontato e documentato nei mesi scorsi e che vede per protagonista una studentessa del liceo linguistico di Mondovì bocciata per due volte alla maturità nello stesso anno.

In sintesi: la giovane non aveva superato l'esame al termine dell'anno scolastico 2018/2019, ma, dopo i colloqui finali, aveva redatto, unitamente ad altri suoi 36 compagni, una lettera aperta, nella quale gli allievi accusavano la commissione esaminatrice di non aver rispettato le direttive ministeriali in occasione della prova orale dell'esame di stato, ottenendo in seguito la riapertura dei faldoni.

La ragazza scelse a quel punto di non fermarsi e di adire le vie legali, vincendo il ricorso al Consiglio di Stato e guadagnandosi una nuova chance di accesso immediato all'università; tutto inutile, perché alla ripetizione dell'orale, avvenuta a metà novembre, la commissione la ritenne nuovamente non idonea.

Storia archiviata? Pareva di sì. Invece, dopo un nuovo ricorso, respinto dal TAR e accolto dal Consiglio di Stato, la studentessa potrà affrontare ancora una volta il colloquio, in tempi che si presumono non essere troppo dilatati.

Il preside dell'istituto, Bruno Gabetti, commenta così la vicenda: "Il Consiglio di Stato ha disposto la ripetizione della prova orale dopo aver individuato motivazioni di ordine tecnico-procedurale, ma senza mettere in discussione il regolare svolgimento del colloquio tenutosi a novembre".

Quando sarà sostenuto, dunque, il nuovo esame? "Questo ancora non sono in grado di dirlo - chiosa Gabetti -, ma si cercherà di stringere quanto più possibile sulle tempistiche, dato che nel frattempo la ragazza sta frequentando nuovamente il quinto anno e a giugno avrebbe l'esame da effettuare da capo, scritti compresi, come da percorso scolastico normale".

Alessandro Nidi

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium