/ Attualità

Attualità | 12 febbraio 2020, 19:18

Cinque anni senza Michele Ferrero: la famiglia lo ricorda con una messa in duomo

Nel pomeriggio di sabato 15 febbraio cerimonia in cattedrale in memoria del compianto industriale, scomparso nel giorno di San Valentino del 2015

Michele Ferrero (Dogliani, 26 aprile 1925; Monte Carlo, 14 febbraio 2015)

Michele Ferrero (Dogliani, 26 aprile 1925; Monte Carlo, 14 febbraio 2015)

Sarà con tutta probabilità officiata dal vescovo di Alba, monsignor Marco Brunetti, la messa con la quale questo sabato, 15 febbraio, la famiglia Ferrero ricorderà il compianto cavalier Michele. Una cerimonia pubblica, quella in programma con inizio alle ore 18, che arriverà all’indomani del quinto anniversario dalla scomparsa dell’industriale.

L’inventore della Nutella e dei tanti prodotti che in oltre 70 anni di storia aziendale hanno visto crescere in tutto il mondo la piccola attività artigianale avviata in una pasticceria all’angolo di via Maestra si spense infatti nel giorno di San Valentino del 2015 nella sua residenza di Monte Carlo, nel pomeriggio di un sabato che molti albesi continuano a ricordare come un importante momento di passaggio nella storia recente della nostra città e di un intero territorio. Lo stesso territorio che, nella sua fortunata vicenda imprenditoriale, continua a riconoscere le fondamenta dello sviluppo arrivato ad affrancare le Langhe dalla storia di povertà e miseria che le aveva accompagnate fino al secondo Dopoguerra.

Giunto a pochi mesi dal traguardo dei 90 anni (era nato a Dogliani il 26 aprile 1925), per il suo ultimo viaggio Michele Ferrero ricevette l’omaggio delle migliaia di persone giunte ad affollare piazza del Duomo insieme alle massime autorità dello Stato e del mondo economico italiano. Un sincero segno di gratitudine per la vicinanza che il "signor Michele", insieme ai figli Pietro e Giovanni, dimostrò loro in vita beneficiando il territorio coi frutti della virtuosa parabola aziendale di cui le famiglie dell’Albese sono state da sempre partecipi protagoniste.

Ezio Massucco

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium