/ Attualità

Attualità | 11 febbraio 2020, 19:05

Giornate inclusive per i nostri bambini: dalle mamme di AMA.Le una nuova iniziativa per andare "oltre alla diversità"

L’associazione fondata dall’albese Danila Borio partecipa all’edizione 2020 del contest di Reale Foundation con un progetto che punta a dare occasioni di svago ai bimbi disabili. Ecco come votarlo

L'inaugurazione dell'aula inclusiva realizzata presso l'elementare Sacco della Moretta. Da sinistra, il consigliere Crc Beppe Artuffo, il dirigente scolastico Wilma Proglio e Danila Borio, dell'associazione AMA.Le

L'inaugurazione dell'aula inclusiva realizzata presso l'elementare Sacco della Moretta. Da sinistra, il consigliere Crc Beppe Artuffo, il dirigente scolastico Wilma Proglio e Danila Borio, dell'associazione AMA.Le

Un anno fa la vittoria ad "Our People", il contest con cui la Reale Foundation di Torino sostiene iniziative sociali promosse da enti e associazioni, consentì alle mamme di Ama.le di portare avanti il progetto ultimato lo scorso 13 gennaio con l’inaugurazione dell’aula inclusiva allestita – grazie anche al sostegno della Fondazione Crc – presso la Scuola Elementare "Umberto Sacco" della Moretta.

Ora l’attivo sodalizio fondato dall’albese Danila Borio e da altre due mamme di bimbe affette dalla rara mutazione genetica Iqsec2 ha ora deciso di riprovarci e chiede l’appoggio di tutti per dare gambe e respiro a una nuova e importante iniziativa, finalizzata ad aiutare tante famiglie che, come loro, ogni giorno si devono confrontare col tema della disabilità.

Il progetto è quello inaugurato nel novembre scorso coi "Camp Ama.Le di Domenica", periodiche occasioni di svago con attività in piscina e momenti creativi aperti a tutti i bimbi dai 3 agli 8 anni di età, disabili e non. Una proposta che l’associazione sostiene finanziariamente, consentendo ai bimbi di vivere momenti diversi dal loro quotidiano e dando al contempo ai genitori la possibilità di ritagliarsi piccoli spazi liberi dalle impegnative incombenze dell’assistenza ai loro bambini.

Gli ottimi riscontri fatti finora registrare da questo esperimento ha convinto l’associazione a proseguire su questa strada, candidando il progetto battezzato "Camp in Montagna, in Collina e in Città per andare oltre la diversità" alla nuova edizione del concorso che lo scorso le vide trionfare con la bellezza di 28mila voti on line.

"Queste speciali giornate inclusive – spiega Danila – si svolgeranno nei paesi in cui le nostre bimbe trascorrono la maggior parte del loro tempo, ovvero ad Alba, a Roma e a Prali, sulle montagne del Torinese, e puntano a coinvolgere sia ragazzi con disabilità che normodotati, nella speranza di creare momenti di armonia e complicità nel modo più naturale possibile, con giochi, laboratori e l’assistenza di figure qualificate".

 

COME VOTARE

Per votare il progetto di Ama.le è sufficiente cliccare a questo link. Poi selezionare le 5 stelline e/o condividere tramite FaceBook o Mail, cliccando sulle relative icone. Per aiutare Ama.le a raggiungere un nuovo importante traguardo bastano quindi pochissimi istanti di tempo. Sicuramente gli albesi non faranno mancare il loro sostegno.

Ezio Massucco

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium