/ Curiosità

Curiosità | 20 gennaio 2020, 12:55

Oggi cade il "Blue Monday": è il giorno più triste dell'anno

A stabilirlo una complicata equazione, che tiene conto di meteo, debiti accumulati per i regali di Natale, calo di motivazione e crescente necessità di darsi da fare

Oggi cade il "Blue Monday": è il giorno più triste dell'anno

Risveglio traumatico? Tristezza o malinconia? Non preoccupatevi. E' tutto normale. Oggi infatti, cade il Blue Monday

Come ogni anno, cade il terzo lunedì di gennaio.

Tutto nasce, agli inizi del terzo millennio, da una complicata equazione risolta da Cliff Arnall, psicologo dell’Università di Cardiff.

Arnall nei suoi calcoli avrebbe tenuto con considerazione meteo, debiti accumulati per i regali di Natale, calo di motivazione e crescente necessità di darsi da fare, riuscendo a stabilire come il terzo lunedì di gennaio sarebbe effettivamente il giorno in cui ci sentiamo più tristi, poiché l'euforia per le feste di Natale è già svanita e ci si rende conto che c'è ancora un lungo anno da affrontare.

In alcune parti del globo il “Blue Monday” non viene in alcun modo sottovalutato.

In Gran Bretagna – ad esempio - il tema viene preso estremamente sul serio: lo confermano i dati (che aumentano in questa giornata) dell’astensione lavorativa e il fatto che molti enti no profit, prima fra tutti Mental Health Uk che si occupa della salute mentale, si prodigano con consigli su come superare il lunedì più deprimente dell'anno.

Tra i principali vestirsi di colori brillanti, fare esercizio fisico, mangiare bene, ascoltare musica allegra ed essere socievoli.

Persino gli esperti della British Dietetic Association suggeriscono di fare una grande abbuffata per superare la depressione da Blue Monday.

Per il giorno più felice dell'anno, invece, bisogna aspettare giugno. Gli stessi analisti hanno calcolato che l'"Happiest Day" cade intorno al solstizio d'estate, fra il 21 e il 24 di giugno.

bs

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium