/ Al Direttore

Al Direttore | 31 dicembre 2019, 16:37

Assotrasporti Cuneo: "Basta pedaggio nelle autostrade liguri"

Al Direttore

Foto generica

Foto generica

Gentile Direttore,

dopo il rischio di isolamento della Liguria che, a causa dell’ondata di maltempo di fine novembre ha visto la chiusura delle principali vie di comunicazione, con un comunicato stampa del 26 novembre 2019 la cuneese Assotrasporti aveva chiesto la sospensione dei pedaggi sulle tratte autostradali utilizzabili.

Nonostante il pronto intervento dei tecnici delle autostrade e il ripristino parziale della viabilità, la situazione continua a rimanere critica ancora oggi, con lavori in corso, sensi alternati e viadotti chiusi.

In particolare, il traffico sulla città di Genova è diventato insostenibile durante le vacanze di Natale quando, a causa di lavori, si è formata una coda di 33 chilometri tra il bivio  dell’A10/A26 e il bivio dell’A10 e la Complanare di Savona. I genovesi, riuniti sotto il  “Comitato  Ligure  per  le  autostrade”, hanno  manifestato il loro malcontento  con  l’affissione di striscioni sui caselli autostradali che recitano: “le autostrade sono dei liguri”, “basta pedaggio sulle autostrade liguri”, “i vostri soldi non valgono le nostre vite”.

Con questa azione di protesta il comitato, come già aveva fatto in precedenza Assotrasporti, torna a chiedere che i liguri possano fruire gratuitamente delle autostrade locali.

Secondo  il  comitato,  infatti,  le  criticità  maggiori  si  sono  venute  a  creare  per  “incuria  e  mancanze  nella  manutenzione  da  parte  delle  società  concessionarie,  le  quali  hanno  ricavato  negli  anni  importanti  profitti  sulle spalle dei cittadini e dello Stato”. Inoltre, il comitato “propone di revocare le concessioni alle società private negligenti nella gestione di questi beni pubblici fondamentali per la nostra Regione, e di conseguenza, la nazionalizzazione delle stesse”.
Dello  stesso  parere  Gianni  Berrino,  assessore  alla  Tutela  dei  Consumatori  e  alla  Promozione  Turistica  della  Regione  Liguria  che  dichiara:  “visto  che  la  Liguria  sta  pagando  colpe  non  sue,  visto  che  il  Ministero  delle  Infrastrutture  e  dei  Trasporti  non  ha  ancora  convocato  il  tavolo  più  volte  richiesto  per  l’organizzazione  e  programmazione dei cantieri, visto che i liguri e i turisti hanno diritto alla sicurezza ma anche alla mobilità, chiediamo la gratuità dei pedaggi sull’intera tratta ligure e la razionalizzazione dei cantieri con turni di lavoro sulle 24 ore”.

Assotrasporti, pur non conoscendo il comitato, concorda su quanto dichiarato dallo stesso e dall’assessore Berrino e sostiene la richiesta di sospensione dei pedaggi nell’interesse degli autotrasportatori e di tutti gli unteti della strada.

Grazie,

Assotrasporti

Al direttore

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium