/ Attualità

Attualità | 01 dicembre 2019, 20:30

Bra ha iniziato l’Avvento nel segno della solidarietà e della preghiera in comunione con l’arcivescovo Nosiglia

Raccolta a favore dei terremotati in Albania, preghiera di Taizè il 13 dicembre e presepe vivente di Bandito il 26 e 29 dicembre

Così la comunità braidese si prepara al Natale

Così la comunità braidese si prepara al Natale

La solidarietà chiama e Bra risponde. Nelle Sante Messe di sabato 30 novembre e domenica 1° dicembre sono state raccolte offerte a beneficio dei terremotati in Albania. Un segno concreto richiamato dal periodo di Avvento, che sarà possibile esprimere anche attraverso un versamento sul conto dell’Associazione “Cuore Aperto” (IBAN IT68D0200846041000103363675) con le donazioni che saranno devolute a monsignor Simon Kulli, vescovo di Sapë, delegato della Caritas albanese.

La preparazione al Santo Natale 2019 passa ancora attraverso i momenti di preghiera che l’UP50 ha messo in calendario nei seguenti giorni: giovedì 5 dicembre con la Santa Messa alle ore 18.30 nella chiesa parrocchiale di Sant’Antonino in cui si ricorderanno i giovani defunti e i figli in cielo; venerdì 13 dicembre, alle ore 21, con la celebrazione penitenziale e contestuale possibilità di accostarsi al sacramento della confessione, all’interno della preghiera di Taizé, presso la Cripta del Santuario della Madonna dei Fiori.

Da non perdere l’appuntamento di venerdì 6 dicembre in compagnia dell’arcivescovo Cesare Nosiglia, che desidera incontrare tutti i cristiani adulti delle Unità pastorali della zona, rientranti nella Diocesi di Torino. L’incontro si terrà a Marene alle ore 20.30 presso l’Oratorio di San Giuseppe, sul lato sinistro della facciata della chiesa dedicata alla Natività di Maria Vergine, in piazza Parrocchiale, 2.

Intanto, invitiamo ad annotare sulle agende degli impegni natalizi una visita al tradizionale presepe vivente di Bandito, ideato dai volontari della frazione e della parrocchia Assunzione di Maria Vergine.
Giovedì 26 e domenica 29 dicembre, dalle ore 15.30 alle 19, i cortili e il chiostro della Chiesa parrocchiale di Bandito, in via Visconti Venosta, si accenderanno di luci e antichi mestieri.
Novità assoluta di quest’anno, alcune scene tratte dai Vangeli, relative all’infanzia di Gesù, che accompagneranno i fedeli fino alla grotta di Betlemme per incontrare la Santa Famiglia.
L’evento è realizzato grazie al sostegno del locale Comitato di Frazione, la collaborazione del PTB (Piccolo Teatro di Bra) e con il patrocinio della Città di Bra.
L’ingresso è gratuito e le offerte libere raccolte serviranno a sostenere le spese della ristrutturazione dei tetti della Chiesa parrocchiale. Mancano ancora una ventina di giorni al Natale, ma la sua magia è già iniziata.

Silvia Gullino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium