/ Attualità

Attualità | 01 dicembre 2019, 10:02

Bomba di via Nizza, Torino trattiene il fiato: partite le operazioni di messa in sicurezza [FOTO e VIDEO]

Evacuati 10 mila residenti. Il comandante dell'esercito Pascale: "Ordigni di questo tipo, in caso di esplosione, propagano le schegge nel raggio di un chilometro e mezzo"

Bomba di via Nizza, Torino trattiene il fiato: partite le operazioni di messa in sicurezza [FOTO e VIDEO]

"Le operazioni si svolgeranno in remoto e in totale sicurezza, bombe di questo tipo se esplodono creano dei crateri di almeno sei metri con le schegge che si propagano nel raggio di un chilometro e mezzo". Cosí il comandante dell'esercito Elvio Pascale, che coordina le operazioni di disinnesco dell'ordigno bellico risalente alla seconda guerra mondiale, rinvenuto nei giorni scorsi in un cantiere di via Nizza. 



Stamattina alle 7 è cominciata l'evacuazione dei circa 10 mila residenti che vivono nella "zona rossa", che troveranno ospitalità al Lingotto Fiere. Altre 50 mila persone residenti nella "zona gialla" non potranno invece lasciare le proprie case fino al termine dell'intervento, che dovrebbe concludersi dopo le 16.

 

"Inizieremo con l'inibizione della spoletta posteriore - spiega il comandante  - quindi procederemo con il taglio di quella anteriore, che verrà distrutta. Questa è la parte più delicata, che impiegherà fino a sette ore". Terminato il disinnesco, l'ordigno verrà trasportato in camion in una cava di Cirié, dove sarà fatto brillare. 

Poco dopo le 8.30 in via Nizza è arrivata anche la sindaca Chiara Appendino, che sempre in mattinata si recherà al Lingotto Fiere e al centro di controllo di via dei Gladioli, dove sarà possibile seguire l'intero intervento.

Marco Panzarella

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium