/ Eventi

Eventi | 21 novembre 2019, 10:21

Alba, domenica 4ª edizione per la Camminata per la Salute organizza dalla Lega Tumori

L’iniziativa della Lilt chiude gli eventi organizzati nell’ambito della 26ª campagna "Nastro Rosa", dedicata alla prevenzione dei carcinomi al seno

Una passata edizione della camminata promossa dalla Lilt

Una passata edizione della camminata promossa dalla Lilt

Quarta edizione, questa domenica 24 novembre, per la "Camminata per la promozione della salute" promossa ad Alba dalla locale delegazione della Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. La camminata si propone di sensibilizzare la popolazione verso corretti stili di vita a partire dal movimento. Il ricavato (quota di partecipazione 8 euro) sarà utilizzato per realizzare iniziative di prevenzione sul territorio.

La camminata si terrà con qualsiasi condizione meteo. L’appuntamento è alle ore 9 presso il piazzale Ferrero (ingresso camion), dove si terranno le iscrizioni e la consegna dei gadget. Un’ora più tardi è prevista la partenza, su un percorso di 7,5 km. Garantito servizio medico.

L’iniziativa è parte integrante della campagna "Nastro Rosa" 2019, dedicata alla prevenzione del cancro al seno e giunta alla sua 26ª edizione, e che durante tutto lo scorso mese di ottobre ha reso possibile la fruizione di visite senologiche gratuite grazie alla collaborazione col personale medico del Servizio di Oncologia e di Chirurgia/Senologia della struttura ospedaliera dell'Asl Cn2.

“I tumori al seno – sottolinea Sergio Giraudo, presidente della Lilt cuneese – rappresentano purtroppo una patologia in costante crescita, ma dalla quale si può più facilmente guarire, se si seguono alla lettera le regole di una buona prevenzione. I controlli periodici sono fondamentali per anticipare i danni irreversibili di un’eventuale malattia, ecco perché la Lilt ha dedicato un mese intero e oltre, alla sensibilizzazione del mondo femminile verso la cultura della prevenzione oncologica, rivolgendosi in particolar modo alle donne fino ai 45 anni per non interferire con l’attività di screening che la Regione Piemonte da anni promuove”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium