/ Cronaca

Cronaca | 19 novembre 2019, 18:32

Rapina nella notte a Cuneo: la vittima conosceva il suo assalitore, in passato lo aveva aiutato economicamente

L'uomo, filippino di 25 anni con precedenti per furto, è stato rintracciato dalla Squadra Mobile in via Coppino. Poi arrestato in seguito all'interrogatorio per i reati di tentato omicidio e rapina

Rapina nella notte a Cuneo: la vittima conosceva il suo assalitore, in passato lo aveva aiutato economicamente

 
Grazie ad un comunicato della Questura di Cuneo si fanno più nitidi i contorni della rapina avvenuta nella notte appena trascorsa a Cuneo, ai danni di una donna di 54 anni.

A dare l'allarme alla Polizia di Stato è stata proprio la donna che, esanime, riferiva all'operatore di essere stata appena rapinata e ferita gravemente da parte di un uomo sconosciuto.

La stessa riferiva di trovarsi all'interno della propria abitazione e che poco prima, un uomo travisato, si era introdotto all'interno della stessa, infrangendo il vetro del bagno, asportandole il proprio telefono cellulare e il portafoglio e, per assicurarsi la fuga, la colpiva con un fendente alla gola.

Interveniva sul posto personale dell'emergenza sanitaria che provvedeva a trasportare la donna in codice rosso presso l'ospedale Santa Croce e Carle di Cuneo, dove veniva immediatamente sottoposta a delicato intervento chirurgico.

Le immediate attività della Squadra Mobile, permettevano di individuare l'indiziato del fatto in un cittadino filippino di 25 anni con precedenti per furto e persona conosciuta dalla vittima in quanto, in passato, aveva provveduto ad aiutarlo saltuariamente a livello economico attesa la conoscenza con un familiare.

Dopo attive ricerche veniva rintracciato in città in via Coppino nei pressi di un esercizio dove potrebbe aver trascorso la notte. L'intensa attività della Squadra Mobile permetteva di consolidare un solido quadro probatorio che permetteva all'autorità giudiziaria cuneese di emettere il fermo di indiziato per i reati di tentato omicidio e rapina al termine dell'interrogatorio reso davanti al pubblico ministero dr. Alberto Braghin.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium