/ Cronaca

Cronaca | 14 novembre 2019, 09:30

Fanno esplodere il postamat di Garessio, arrestati i responsabili: sono tre ultrasessantenni

A catturarli i carabinieri di Torino con il supporto di quelli di Mondovì. Avevano rubato più di 30mila euro, recuperati. Erano in possesso di un disturbatore di frequenze, maschere, guanti, attrezzi da scasso e targhe contraffatte (VIDEO)

Le foto scattate a Garessio

Le foto scattate a Garessio

Tre ultrasessantenni, nella notte appena trascorsa, con un’auto rubata - una Panda nera lasciata sul posto - hanno sfondato la vetrata dell’ufficio postale di via Garibaldi Garessio e fatto saltare il postamat con dell'esplosivo, utilizzando la tecnica della “marmotta”.

Si sono impossessati del denaro contenuto all’interno del postamat.

Intercettati subito dai carabinieri del comando provinciale di Torino in collaborazione con i colleghi di Mondovì, sono stati arrestati in flagranza.

A seguito di perquisizione della vettura, risultata rubata e con targhe contraffatte, i 3 uomini sono stati trovati in possesso della somma asportata, oltre 30.000, di chiodi a 4 punte finalizzati ad eludere eventuali inseguimenti, di un disturbatore di frequenze (cd jammer), maschere, un inibitore di centraline per furto di autovetture e di attrezzatura varia funzionale alla commissione del colpo mediante utilizzo di sostanze esplodenti.  

Sul posto è intervenuta, per mirati rilievi tecnici ancora in corso, anche l'Aliquota Artificieri del Nucleo Investigativo di Torino, che ha peraltro rinvenuto, a casa di uno dei 3 soggetti arrestati, una ulteriore “marmotta” già pronta all’uso per un eventuale colpo, nonché vari candelotti pirotecnici da svuotare, per preparare dispositivi esplosivi.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium