/ Attualità

Attualità | 13 novembre 2019, 14:32

Alba città a misura di ciclista: la Fiab le conferma le "tre biciclette" in attesa della quarta in primavera

La Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta conferma il riconoscimento già assegnato alla capitale delle Langhe, che punta a migliorare il proprio punteggio tra i "Comuni Ciclabili" con la nuova pista ciclabile extraurbana di 3 chilometri progettata tra Alba, Grinzane Cavour e Roddi

Alba città a misura di ciclista: la Fiab le conferma le "tre biciclette" in attesa della quarta in primavera

Alba conferma le tre biciclette del riconoscimento di ComuniCiclabili® Fiab (Federazione Italiana Ambiente e Bicicletta), ma con la prospettiva di passare a quattro "bike-smile" ad aprile 2020, dopo l’avvio dei lavori per la nuova pista ciclabile extraurbana di 3 chilometri tra Alba, Grinzane Cavour e Roddi.
 
È quanto comunicato all’Amministrazione comunale dalla stessa Fiab nell’ambito della consegna delle bandiere della terza edizione, martedì 12 novembre a Torino, nella Centrale Nuvola Lavazza, durante il workshop formativo sul tema “Reti per la mobilità sostenibile” promosso da dall’Istituto Nazionale di Urbanistica (Inu) in collaborazione con Fiab-ComuniCiclabili.
 
La città ha ricevuto la bandiera gialla e blu con quattro biciclette ritirata dal consigliere comunale Stefania Balocco, accompagnata all’evento dalla dirigente della Ripartizione Opere Pubbliche Daniela Albano e dal dipendente della stessa Ripartizione Maurizio Cauda.
 
Per il riconoscimento, la città è stata valutata sulla base di decine di parametri in quattro aree: infrastrutture urbane, cicloturismo, governance e comunicazione & promozione. Il punteggio attribuito a ogni comune va da 1 a 5 bike-smile e viene indicato sulla bandiera gialla.
 
Dalla prima alla seconda candidatura, Alba ha confermato tre bike-smile attribuiti per la progettazione di nuove piste ciclabili come la Alba, Grinzane Cavour e Roddi, l’inserimento di zone a 30 chilometri orari, l’inserimento e il potenziamento di aree pedonali, la nuova linea Piedibus, le politiche di diminuzione della CO₂ con l’utilizzo di automezzi ad alimentazione elettrica e la rete di colonnine di alimentazione per veicoli elettrici.

C. S.

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium