/ Attualità

Attualità | 08 novembre 2019, 08:02

Positivo per 113 unità il saldo trimestrale della Camera di Commercio di Cuneo

Ferruccio Dardanello: "Si conferma una sostanziale stabilità del tessuto imprenditoriale cuneese, che finalmente interessa anche le imprese meno strutturate, che rappresentano la parte più consistente dell’imprenditoria locale"

Foto generica

Foto generica

Il III trimestre 2019 restituisce segnali di stabilità per il sistema imprenditoriale della provincia di Cuneo. Tra luglio e settembre il registro imprese della Camera di commercio di Cuneo ha registrato l’iscrizione di 678 iniziative imprenditoriali (erano 536 nel III trimestre 2018), a fronte delle 565 imprese che hanno cessato la propria attività (le cessazioni sono valutate al netto di quelle d’ufficio).

Il saldo trimestrale tra i due flussi è risultato positivo per 113 unità, e lo stock di imprese con sede legale in provincia di Cuneo al 30 settembre 2019 ammonta a 67.511 unità.

Il bilancio tra nuove iscrizioni e cessazioni si è tradotto in un tasso di crescita del +0,17%, risultato migliore di quello registrato nel III trimestre dello scorso anno (+0,02%). Il dato locale appare in linea a quello medio regionale (+0,13%) e di poco inferiore a quello nazionale (+0,23%).

Il III trimestre conferma una sostanziale stabilità del tessuto imprenditoriale cuneese, che finalmente interessa anche le imprese meno strutturate, che rappresentano la parte più consistente dell’imprenditoria locale – sottolinea il presidente Ferruccio Dardanello – In questo contesto assume un significato particolare la scelta dell’Ente camerale di proseguire le progettualità avviate negli ultimi anni, per supportare gli imprenditori con servizi di accompagnamento verso la digitalizzazione e sui mercati esteri, sostenendone la sempre necessaria competitività”.

Focalizzando l’attenzione sul III trimestre dell’anno, si rileva come il bilancio tra iscrizioni e cessazioni sia risultato positivo per tutte le forme societarie, con le società di capitale che registrano un +1,05% a cui seguono le altre forme (+0,20%), le società di persone (+0,05%) e le ditte individuali (+0,04%).

Tra i vari settori, le dinamiche più incoraggianti vengono registrate, ancora una volta, dalle attività di alloggio e ristorazione – turismo (+0,38%) e dagli altri servizi (+0,46%). Seguono il comparto delle costruzioni (+0,31%) e dell’industria in senso stretto (+0,19%), mentre il commercio si attesta tra i settori con variazione negativa (-0,21%) seguito dall’agricoltura (-0,02%) che continua a rappresentare, con il 28,9%, il settore trainante in provincia.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium