/ Cronaca

Cronaca | 04 novembre 2019, 11:47

Falsi tecnici dell’acquedotto a Cinzano di S. Vittoria d’Alba? Una lettrice mette in guardia

Nelle scorse settimane il "colpo" da 200mila euro messo a segno da un sedicente addetto del gas. Dalla stessa frazione una residente segnala il passaggio di due personaggi che le hanno chiesto di poter entrare nel suo cortile per realizzare alcuni lavori

Foto di repertorio

Foto di repertorio

Un mese fa destò un comprensibile scalpore la notizia riguardante la truffa operata da un falso tecnico del gas ai danni di un’anziana residente a Cinzano di Santa Vittoria d’Alba, spogliata di gioielli e preziosi per un valore stimato nell’importante cifra di 200mila euro.

Dalla stessa località arriva ora al nostro giornale la segnalazione di una lettrice, che mette in guardia rispetto a un fatto accadutole alcuni giorni addietro, a metà della scorsa settimana, presso la sua abitazione.

"A casa mia si sono presentati due uomini – ci spiega la signora Luisa – dicendo che dovevano entrare nel mio cortile per fare più agevolmente alcuni lavori 'in un pozzetto a fianco della mia abitazione'. Io dovevo andar via urgentemente e gli ho risposto che semmai li avrei aiutati al mio ritorno. Preciso che erano a piedi e senza divisa. Presa dall'urgenza con cui dovevo uscire non ci ho fatto molto caso. Il giorno seguente ho però chiamato la Tecnoedil, i cui addetti mi hanno spiegato che i loro operai indossano sempre la divisa con ben visibile il logo dell’azienda e viaggiano su camioncini bianchi, anch’essi ben contrassegnati dalle insegne della ditta. Dalla stessa Tecnoedil mi hanno ricordato di avvisare prontamente i Carabinieri, allorquando si verificassero circostanze simili, cosa che ho poi provveduto a fare, per avvisarli rispetto al potenziale pericolo per altri residenti, ma volevo condividere anche tramite il vostro giornale questa mia esperienza di modo da allertare la popolazione sulla presenza in zona di figure dietro le quali potrebbero celarsi potenziali truffatori e sull’importanza di non fare entrare nelle nostre case personaggi di cui non conosciamo l’identità".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium