/ Eventi

Eventi | 21 ottobre 2019, 17:08

Torna a Cherasco il festival "Uto Ughi e la Santità Sconosciuta’’

Da sabato 26 ottobre a domenica 17 novembre

Torna a Cherasco il festival "Uto Ughi e la Santità Sconosciuta’’

Cherasco accoglierà dal 26 ottobre al 17 novembre, la XIV edizione del festival "Uto Ughi e la Santità Sconosciuta’’. L’elegante scrigno della provincia, posto quasi al centro della sua grande estensione, ritorna per la seconda volta ad ospitare l’evento curato da Ivan e Natascia Chiarlo con l’Associazione Arturo Toscanini e il Comune che ha dato, da subito, il suo patrocinio all’iniziativa culturale di altissimo livello.

La storia della città ‘’dalle mura stellate’’, come l’aveva chiamata la scrittrice Gina Lagorio, la sua atmosfera aristocratica, la religiosità che si esprime nelle sue chiese, sono elementi che si fondono con la spiritualità che anima la rassegna dedicata al ‘’Piemonte Terra di Santi’’. La musica ne è il veicolo emozionante in intimo dialogo con le architetture barocche del Santuario di Nostra Signora del Popolo che accoglierà artisti di fama internazionale, fra cui il maestro Uto Ughi, nume tutelare del Festival che onora come interprete, consulente alla direzione artistica ed amico. Uto Ughi incanterà il pubblico, il 10 novembre, con la sua straordinaria, poeticamente vibrante esecuzione, de ‘’Le Quattro Stagioni’’ di Vivaldi, accompagnato dall’Orchestra I Filarmonici di Roma. Sarà il suo, il terzo concerto della rassegna che debutterà il 26 ottobre con il gemellaggio tra Piemonte e Liguria. L’Orchestra Sinfonica di Sanremo e il Progetto Giovani Talenti Italiani s’incontreranno per sostenere il futuro della grande musica italiana, erede di una tradizione che Uto Ughi rappresenta al vertice. Il progetto, fortemente voluto dal Maestro e dai fratelli Chiarlo, presenterà quattro giovani virtuosi: Ginevra Costantini Negri, pianoforte, Indro Borreani, Clara Novarino e Francesco Mardegan, violini.

Domenica 27 ottobre sarà di scena il grande pianista iraniano Ramin Bahrami in duo con il celebre flautista Massimo Mercelli impegnati nell’esecuzione di musiche di Bach. Infine il festival si concluderà il 17 novembre con un astro della musica lirica: il soprano cuneese Norma Fantini che ‘’La Santità Sconosciuta’’ festeggerà con un riconoscimento alla sua carriera internazionale nei templi della lirica di tutto il mondo.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium