/ Attualità

Attualità | 19 ottobre 2019, 17:13

Paesaggi umani della Langa più autentica negli scatti d’autore di Michele Pellegrino

In mostra al castello Cavour di Grinzane un’accurata selezione di immagini dell’archivio che il noto fotografo originario di Chiusa Pesio ha donato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo

Parte dell'esposizione visitabile al castello di Grinzane Cavour

Parte dell'esposizione visitabile al castello di Grinzane Cavour

E’ una Langa affatto convenzionale e certamente meritevole di essere ammirata quella contenuta nei trenta scatti e nell’ancor più ricco catalogo della mostra fotografica con la quale la Fondazione Cassa di Risparmio di Cuneo è andata ad arricchire con un nuovo importante contributo la già ricca offerta di proposte culturali collegate alla Fiera Internazionale del Tartufo Bianco d’Alba, in corso sino alla fine di novembre nel centro langarolo.  

Oltre all’esposizione dedicata a Pinot Gallizio, in corso nella chiesa albese di San Domenico, e a quella dedicata alla "Tavola Lucana" di Leonardo Da Vinci, in arrivo nella medesima sede dal 18 novembre, l’ente bancario ha infatti voluto portare nel cuore del territorio Unesco una selezione di immagini scelte dal ricco e prezioso archivio di cui Michele Pellegrino le fece dono nel 2017, nell’ambito di uno dei progetti – "Donare", appunto – che maggiormente segnano l’impegno profuso dalla stessa Fondazione nella promozione del nostro patrimonio culturale.

Visitabile per quattro settimane (sino all'appuntamento con l'Asta Mondiale del Tartufo) nella suggestiva ambientazione del castello Cavour di Grinzane – dove in questo periodo è atteso un pubblico stimato in circa 10mila visitatori al mese – la mostra "Langa" e il relativo volume rappresentano la seconda occasione di valorizzazione dei lavori del fotografo di Chiusa Pesio, autore la cui opera, sviluppatesi nel corso di cinquant’anni di una carriera che ne ha fatto un’artista apprezzato anche fuori dai nostri confini, è già stata al centro di una prima esposizione, andata in scena da maggio a ottobre 2018 presso la chiesa di San Francesco a Cuneo, e di un catalogo tematico (75 scatti) pubblicato anche in quel caso da Skira sotto al titolo "Storie".

“Le Langhe durante il periodo autunnale attirano l’interesse di tanti visitatori grazie alla qualità e alla ricchezza degli eventi che ospitano: la presentazione di questo volume vuole offrire l’occasione per osservarle attraverso lo sguardo artistico e la fotografia di Michele Pellegrino”, ha spiegato il presidente della Fondazione Crc, Giandomenico Genta durante la presentazione del volume andata in scena nel pomeriggio di ieri, venerdì 18 ottobre, nella sala convegni del castello langarolo, alla presenza dell’artista e con interventi del critico d'arte Andrew Graham-Dixon, del direttore di Camera-Centro Italiano per la Fotografia Walter Guadagnini e di Daniele Regis, docente del Politecnico di Torino, autori anche delle prefazioni al volume .

Filo conduttore dei loro interventi – preceduti dai saluti del presidente dell’Enoteca Regionale Cavour Roberto Bodrito, del direttore dell’Ente Fiera del Tartufo Stefano Mosca e dell’ex sindaco albese Maurizio Marello, ora consigliere regionale –, l’accorato invito ad approfittare dei preziosi ritratti in bianco e nero di Pellegrino per ammirare i "paesaggi umani" coi quali lo sguardo d’artista di Pellegrino ha saputo raccontare una Langa fuori dal tempo e comunque lontana dalla visione a volte stereotipata che – spesso attraverso il canale dei social network – ne caratterizza l’iconografia in questa stagione di crescente fama turistica.   

Opere di sicuro rilievo, che grazie alla collaborazione col Consorzio Tutela Barolo e Barbaresco approderanno presto anche oltreoceano, in un evento che si terrà nei prossimi mesi a New York.

Ezio Massucco

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium