/ Cronaca

Cronaca | 08 ottobre 2019, 13:45

Incassava assegni circolari sospetti tra Costigliole Saluzzo e Beinette, arrestato per truffa 57enne

L’uomo aveva aperto un conto corrente presso una Banca di Costigliole Saluzzo; nella stessa giornata presso un Istituto di credito di Beinette aveva incassato un assegno circolare di 17.000 euro a lui intestato. Il giorno successivo ha versato un altro assegno circolare a Costigliole Saluzzo di 35.000 euro

Incassava assegni circolari sospetti tra Costigliole Saluzzo e Beinette, arrestato per truffa 57enne

I Carabinieri della Stazione di Costigliole Saluzzo hanno denunciato un pregiudicato di 57 anni di origini campane con domicilio nel saluzzese, perché ritenuto responsabile di una truffa in danno di un Istituto di credito.

Secondo quanto ricostruito dai Carabinieri, l’uomo, alcuni giorni prima, aveva aperto un conto corrente presso una Banca di Costigliole Saluzzo; nella stessa giornata, presso un Istituto di credito di Beinette, aveva incassato un assegno circolare di 17.000 euro a lui intestato, prelevando anche la somma di 3.000 euro in contanti.

Il giorno successivo, nello stesso Istituto bancario di Costigliole Saluzzo dove aveva acceso il conto corrente ha versato un altro assegno circolare, sempre a lui intestato, questa volta del valore di ben 35.000 euro. Inoltre disponeva due distinti bonifici bancari “urgenti” con beneficiari lui stesso e una donna sua parente, per un ammontare di 22.000 euro complessivi.

Il Direttore della Banca però, insospettito dall’importo delle operazioni richieste e dalle vaghe dichiarazioni circa la provenienza di quei titoli, ha deciso di allertare i Carabinieri del luogo, bloccando allo stesso tempo il conto corrente e le relative transazioni.

I militari sono giunti sul posto mentre l’uomo cercava di allontanarsi. Condotto in caserma ed accertato che i due assegni circolari non risultavano in realtà emessi da alcun Istituto bancario. L'uomo è stato denunciato in stato di libertà per il reato di truffa. Ulteriori accertamenti sono in corso allo scopo di verificare l’esatta provenienza dei titoli in questione e l’eventuale coinvolgimento dell’uomo e di altri complici in analoghi eventi delittuosi.

redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium