/ Attualità

Attualità | 07 ottobre 2019, 07:20

"Lo sport come lo vedo io": a Bra la cerimonia conclusiva di un concorso che ha coinvolto 1.200 studenti da 4 istituti comprensivi

All'Auditorium Crb il momento finale dell’iniziativa promossa dalla locale sezione dall’Unione Veterani dello Sport. Ecco i ragazzi e le classi premiate dalle scuole di Bra, Sommariva del Bosco e S. Vittoria d'Alba

"Lo sport come lo vedo io": a Bra la cerimonia conclusiva di un concorso che ha coinvolto 1.200 studenti da 4 istituti comprensivi

Si sono da poco spenti i riflettori sull'Auditorium Cassa di Risparmio di Bra Gruppo Bper, messo a disposizione dal presidente Francesco Guida e dal direttore generale Paolo Cerutti, che ha visto la cerimonia finale di premiazione del progetto "Lo sport come lo vedo io... gioco a fare il giornalista", ideato e fortemente voluto dall'Unione Nazionale Veterani dello Sport, sezione di Bra.

L'evento finale di una manifestazione giunta alla 12ª edizione ha visto il coinvolgimento di oltre 1.200 studenti delle classi quarte con "in campo" quattro direzioni didattiche: Bra 1, Bra 2, Sommariva del Bosco e Santa Vittoria d'Alba, con un lavoro collante straordinario delle insegnanti Graziella Agnelli e Maria Grazie Racca, unitamente al coordinatore dell’Ufficio Educazione Fisica del Miur Cuneo Marcello Strizzi.

A dar lustro e onore all'importante momento di ritrovo il sindaco Gianni Fogliato, l’assessore e vice presidente Unvs Massimo Borrelli, il presidente della Fondazione CrBra Donatella Vigna, il referente Miur Cuneo Marita Giubergia, la responsabile del Coordinamento Regionale delle Donazioni e dei Prelievi di organi e tessuti di Piemonte e Valle d'Aosta Anna Guermani e Paolo Barbero, fiduciario circoscrizionale Coni Point Cuneo.

A fare gli onori di casa Paola Ballocco, presidente del sodalizio sportivo braidese e Gianfranco Vergnano, segretario nazionale Aido e vicepresidente vicario Unvs col giornalista Renato Arduino e il dirigente Aido e Unvs Sergio Provera a coordinare l'iniziativa progettuale.

"Siamo davvero contenti del successo raccolto da questa nostra storica iniziativa che dopo un'anno di lavoro stimolato dai direttori didattici, ha portato gli studenti, seguiti da validissime insegnanti, a riflettere su temi sociali di grande importanza dove lo sport è stato di traino ad argomenti più impegnati quali la diversa abilità e la donazione di organi, tessuti e cellule", dice il presidente Unvs Ballocco, a cui fa eco Vergnano: "Tanta la fatica e tanto l'impegno profuso per il buon esito di questa 12ª edizione, a chiusura di un ciclo di sostegno triennale della Fondazione CRBra. Tanta però la soddisfazione nel vedere che anche la Fondazione Crc, grazie al presidente GianDomenico Genta, ha riconosciuto la valenza sociale del progetto, dando così giuste risorse per proseguire un cammino iniziato nel 2007 e che si svilupperà nel corso dell'anno scolastico 2019/2020".

I vincitori sono Riccardo Balocco di Pocapaglia, Nicole Cravero dalla frazione Macellai di Pocapaglia, Jacopo Carrero dalla frazione Cinzano di Santa Vittoria d'Alba, Denise Aiello di Santa Vittoria d'Alba, Carlo Brizio di Sanfrè, Alice Corrias di Sommariva del Bosco, Daniele Olocco di Ceresole d'Alba, Ilaria Gerbaldo di frazione San Michele a Bra, Giorgia Busso di frazione Riva a Bra, Elisa Crema di Bra, Federico Chieregato di Bra e le classi 4ª C Direzione Didattica Bra 1 e classi 4ª A e B Direzione Didattica Bra 2.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium