/ Agricoltura

Agricoltura | 04 ottobre 2019, 13:44

Nitrati, Coldiretti Piemonte dice no all'ampliamento delle zone vulnerabili

"Le imprese agricole non devono pagare il prezzo per l’inquinamento generato da altri"

Foto generica

Foto generica

E’ urgente che gli assessori regionali Marnati e Protopapa predispongano le dovute verifiche rispetto a quanto sollevato dalla Commissione Europea – commentano Roberto Moncalvo presidente di Coldiretti Piemonte e Bruno Rivarossa Delegato Confederale - . Ampliare le zone vulnerabili significa danneggiare l’intero settore primario e, in primis, il comparto zootecnico che, in questo modo, sarebbe soggetto ad un indubbio svantaggio competitivo. Le imprese agricole e zootecniche non devono, ancora una volta, pagare il prezzo per l’inquinamento generato, principalmente, da altri soggetti. Oltretutto, le nostre aziende sarebbero chiamate a sostenere rilevanti investimenti strutturali, al fine di adeguare le proprie strutture di stoccaggio. Vogliamo conoscere nel dettaglio, quindi, le caratteristiche dei territori potenzialmente coinvolti e le cause delle situazioni di criticità".

"Chiediamo, inoltre, agli assessori Marnati e Protopapa di mettere a disposizione tutte le risorse disponibili, utili anche alla promozione di percorsi formativi ed a sostenere economicamente gli imprenditori agricoli nell’impiego di prodotti innovativi per efficientare la gestione dei nitrati, al fine di evitare una situazione che concretamente metterebbe a rischio un comparto che riveste un importante ruolo economico per il nostro territorio, oltre a generare reddito ed occupazione”.

comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium