/ Sanità

Che tempo fa

Cerca nel web

Sanità | 10 settembre 2019, 11:01

Chirurghi dell'Asl Cn2 collegati col San Raffaele di Milano per un intervento di "live surgery"

Il direttore generale dell'Asl Massimo Veglio: “Importante occasione nella formazione dei giovani, nella trasmissione dei saperi tra collaboratori e nell’utilizzo delle tecnologie che avremo a disposizione presso il presidio Michele e Pietro Ferrero di Verduno”

Immagine di repertorio

Immagine di repertorio

Domani, mercoledì 11 settembre, l’Irccs Istituto Nazionale dei Tumori dell'Ospedale "San Raffaele" di Milano effettuerà un intervento in “Live surgery”.

Nello specifico si tratterà di due interventi di chirurgia laparoscopica del fegato, intervallati da lezioni didattiche inerenti a tecniche chirurgiche e anestesiologiche.

L’evento durerà dalle ore 8 del mattino alle ore 18.30 del pomeriggio e al collegamento diretto prenderà parte anche il gruppo di Chirurgia dell’Asl Cn2 di Alba e Bra, diretto dal dottor Marco Calgaro, direttore della struttura complessa di Chirurgia.

Sarà presente anche il dottor Vincenzo Adamo, referente medico per la Chirurgia Epatica, con invito esteso anche ad oncologi e anestesisti della Struttura.

L’evento è stato organizzato dal professor Luca Aldrighetti, primario dell’Unità Operativa Complessa di Chirurgia Epatobiliare dell’Irccs Ospedale "San Raffaele" di Milano e verrà trasmesso in streaming in rete all’indirizzo www.met-channel.com.

Oltre all’Asl Cn2 di Alba e Bra, saranno collegati in diretta durante l’intervento altri prestigiosi centri d’Italia, tra gli altri Milano, Palermo e l’Azienda Ospedaliera Ordine Mauriziano di Torino.

La Live Surgery offrirà, dunque, la straordinaria opportunità di partecipare e comunicare in tempo reale tra le sale operatorie collegate, generando un'interazione e un confronto diretto tra gli specialisti, in un’ottica di crescita reciproca e miglioramento costante.

“L’evento del prossimo 11 settembre - commenta il direttore generale dell'Asl Cn2, Massimo Veglio - rappresenta un passo rilevante nella direzione strategica della valorizzazione delle competenze interne ed esterne all’azienda nella formazione dei giovani, nella trasmissione dei saperi tra collaboratori e nell’utilizzo delle tecnologie che avremo a disposizione presso il Presidio Michele e Pietro Ferrero di Verduno”.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium