/ Eventi

Che tempo fa

Cerca nel web

Eventi | 09 settembre 2019, 09:16

Bra, il cielo grigio non ferma la festa in onore della Madonna dei Fiori (FOTO)

Monsignor Edoardo Cerrato: “Come Maria, anche noi missionari di un ‘fatto’ cristiano che parla di amore e salvezza”

Bra, il cielo grigio non ferma la festa in onore della Madonna dei Fiori (FOTO)


È stato un susseguirsi di emozioni la festa della Madonna dei Fiori, che si è celebrata domenica 8 settembre a Bra. Una giornata lunga, iniziata già al mattino con il solenne pontificale presieduto dall’arcivescovo di Torino, monsignor Cesare Nosiglia.

Quindi, la Vergine dei Fiori, patrona di Bra, è scesa tra i suoi devoti che in tantissimi, anche quest’anno, l’hanno attesa sul piazzale del Santuario nuovo, sfidando il cielo grigio. Dopo che la pioggia del pomeriggio aveva richiamato i fedeli tra le mura dell’edificio sacro, quando sembrava ormai inevitabile che si dovesse rinunciare alla processione esterna, ha cessato di piovere e il rito sacro si è svolto regolarmente in versione più breve.

È importante che la Madonna sia uscita e che non sia saltata la processione” commentava qualcuno.

Così, il lungo corteo processionale si è messo in marcia al suono della banda ed è stato guidato dal vescovo di Ivrea, monsignor Edoardo Cerrato. Tra canti e preghiere, la Madonna ha raggiunto il Monastero di Santa Chiara, dove ad attenderla c’era la comunità delle Sorelle Clarisse. Passando lungo via Umberto, è giunta fino alla residenza per anziani intitolata a Mario Francone, per poi dirigersi in via Vittorio Emanuele II nel tratto segnato dalla parrocchiale di San Giovanni Battista. Il volto di Maria ha guardato benevolmente tutti e non è bastata la pioggia a scoraggiare i partecipanti: in tanti hanno affidato le proprie intenzioni alla madre di Gesù.

Altra tappa significativa l’ospedale Santo Spirito, prima di fare rientro sul sagrato dove monsignor Cerrato ha impartito la benedizione eucaristica. “La Madonna ha voluto uscire. La Madonna ha benedetto ancora una volta la nostra città” ha commentato la gente. Al termine, la statua ha ripreso il suo posto nell’ala della chiesa che la custodisce durante tutto l’anno. I fedeli l’hanno salutata commossi per un’esperienza davvero unica. Dopo la processione, un affollato santuario ha visto la celebrazione della Messa del giorno, officiata ancora dal vescovo eporediese.

Presenti le autorità civili e militari al gran completo con in testa il sindaco di Bra, Gianni Fogliato. Non sono mancate le associazioni di volontariato cittadino, l’Arciconfraternita della Misericordia e la Confraternita della Santissima Trinità. Ad animare i canti della liturgia il coro della vicina città di Sanfrè.

Ricca di spunti l’omelia pronunciata da monsignor Cerrato: “Come Maria, anche noi siamo chiamati ad essere missionari di un ‘fatto’ cristiano che parla di amore e salvezza. La Madonna, sempre presente nella nostra vita, è maternamente capace di aiutarci e questo luogo, in cui è apparsa per salvare la vita di una giovane sposa e della creatura che portava in grembo, ce lo ricorda”. Grande e sentita partecipazione di tutta la città, di una Bra che si è ritrovata intorno alle parole di fiducia espresse dal celebrante. “ Sul nostro orizzonte risplende Gesù Cristo e con lui c’è la prima dei redenti, Maria Immacolata, segno di sicura speranza e consolazione, madre che ci accompagna istante per istante”.

Sono le 19 circa e la Messa si conclude con la benedizione e la preghiera alla Vergine dei Fiori. In mezzo, il tempo degli auguri a monsignor Edoardo Cerrato per i suoi sette anni di episcopato, formulati dal Rettore don Giancarlo Avataneo a nome di tutta l’assemblea. Applausi e tanta gioia. 

Silvia Gullino

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium